Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 394
RAGUSA - 04/02/2014
Politica - I consiglieri di minoranza sono usciti in fila indiana dopo i loro interventi

Il caso Corfilac scuote il consiglio comunale di Ragusa

Per l’opposizione la maggioranza ha forzato lo statuto nominando il nuovo presidente del Consorzio Lattiero Caseario Foto Corrierediragusa.it

Il sindaco parla del futuro del Corfilac ed i consiglieri di minoranza abbandonano l´aula in fila indiana. Protesta plateale che lascia Federico Piccitto a parlare solo alla sua maggioranza. Il caso Corfilac e la discussione dell´ordine del giorno presentato proprio dalle opposizioni concernete l´elezione del presidente del Corfilac provoca un ulteriore frattura tra maggioranza ed opposizione tanto da indurre il presidente del Consiglio Gianni Iacono a chiedere scusa al sindaco per l´atteggiamento della minoranza. Il "progetto Piccitto" sula gestione del Consorzio di ricerca sulla Fileria Lattiero Casearia è quello di slegare la gestione amministrativa da quella più strettamente scientifica visto che i due aspetti, sostiene il sindaco, spesso e volentieri, non hanno funzionato.

Il Pd e Giuseppe Lo Destro di Ragusa Domani hanno rimproverato al sindaco una nomina illegittima del nuovo presidente tanto che l’università di Catania si è rivolta al TAR ed il 27 febbraio l’organo di giurisdizione amministrativa entrerà nel merito della questione. Per Giorgio Massari del Pd non è possibile operare alcuna forzatura dello Statuto come è stato fatto.

Duro il documento del M5S rispetto a quanto accaduto: "In modo inaspettato, e riteniamo irrispettoso e inappropriato, i consiglieri di opposizione si sono alzati dalle proprie postazioni uscendo, in fila indiana, dall´aula, salvo poi rientrare al termine dell´intervento del primo cittadino. Siamo rimasti basiti da tale atteggiamento, che, a questo punto, rispediamo al mittente. Stigmatizziamo un simile atteggiamento, e chiediamo al Presidente del Consiglio di prenderne atto e di richiamare al rispetto dell´aula e delle istituzioni, chi evidentemente ancora non ha inteso come ci si comporti"