Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1566
RAGUSA - 08/12/2013
Politica - Grande affluenza di voti, circa 7 mila in tutta la provincia

Pd, trionfa Renzi. Impedito voto a Iacono

Voti definitivi: Renzi 5642, Cuperlo 1238, civati 792. Vittoria il comune più «renziano» con 1019 preferenza su 1304 voti. Nel capoluogo, votanti 2325, Renzi ha ottenuto 1663, Cuperlo 341 e Civati 283. Il segretario provinciale Denaro felice per l’affluenza ma irritato per il caso Iacono: «Hanno sbagliato, le primarie erano aperte anche ai non iscritti. Chiamerò Iacono per dargli la solidarietà»
Foto CorrierediRagusa.it

Prima ancora che arrivassero i risultati di Comiso, ultimo comune a completare lo scrutinio, per Matteo Renzi (nella foto con il sindaco di Comiso Filippo Spataro) in provincia di Ragusa è già plebiscito: si attesta intorno al 75%, contro il 15 di Cuperlo e il 12 di Civati. Ha preso un totale di 5642 voti. Cuperlo ne ha avuti 1238 e Civati 792.

Il comune più «renziano» è quello di Vittoria, dove il sindaco fiorentino ha avuto una maggioranza bulgara con l’80% dei voti. Esattamente 1019, contro i 164 di Cuperlo e i 119 di Civati. I votanti nel comune ipparino sono stati 1304. Due sole le schede bianche.

A Ragusa, comune capoluogo, hanno votato 2325 persone. Renzi ha preso 1663 voti, Cuperlo 341 e Civati 283. In tutta la provincia hanno votato oltre 7 mila persone. Un caso curioso di cui è piena facebook, il divieto di voto per le primarie al presidente del Consiglio comunale Giovanni Iacono. Il presidente del Consiglio ha letto il regolamento, verificato che il voto era aperto anche ai non iscritti, stimolato a recarsi presso l’urna da alcuni dirigenti del partito ragusano, si è presentato nel seggio di buon mattino, ha versato il contributo di 2 euro, ma qualcuno gli ha detto che non poteva votare perché non iscritto al Pd. Sempre su facebook ci sono le foto che ritraggono Nicolò Rinaldi, capogruppo Idv al Parlamento Europeo, mentre vota per le primarie Pd a Firenze.

Un caso che ha irritato persino il segretario provinciale Giovanni Denaro. «Sono a conoscenza di questo episodio -dice- mi dispiace, è un fatto grave e fastidioso. Chiamerò personalmente Iacono per dargli la mia solidarietà. Devo capire perché questa decisione bizzarra di qualcuno, che non sarà politica ma personale».

Denaro, ama parlare anche dell’ottimo risultato ottenuto, soprattutto per il numero dei partecipanti alle elezioni. «Sono felice per il risultato del voto, per l’alta affluenza delle persone che democraticamente, anche in non iscritti, hanno sentito il bisogno di dare questa lezione politica democratica. Ora dobbiamo cominciare a lavorare sodo per ricucire non per dividere, come ancora avviene nel capoluogo».