Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 883
RAGUSA - 11/11/2013
Politica - Nel salone della Camera di Commercio i presenti erano veramente pochi

Sindaco Ragusa su aumento tasse

L’aumento dell’Imu dell’1,40 per mille deve ancora essere metabolizzato dai cittadini Foto Corrierediragusa.it

L´aumento delle tasse spiegato alla città. Ma nel salone della Camera di Commercio i presenti erano veramente pochi (foto), escludendo i componenti del meet-up cittadino egli addetti ai lavori. L´aumento dell´Imu dell´1,40 per mille deve ancora essere metabolizzato dai cittadini. "Non c´era altra via d´uscita - ha ribadito ancora una volta il sindaco Federico Piccitto - Troppi debiti da pagare e scarsa liquidità in cassa. Anzi abbiamo abbassato la quota dell´aumento, proposto a suo tempo dal commissario straordinario, che era del 2 x mille. Se si fosse pagato allora non ci troveremmo oggi in questa situazione". Piccitto chiede la comprensione dei cittadini ed annuncia tagli e risparmi. Il Natale, per esempio, sarà sottotono, senza grandi eventi o appuntamenti proprio perchè non ci sono soldi. Risparmi verranno poi dai costi dell´energia perchè gli sprechi sono tanti. Uno per tutti: ad Ibla le lampade si accendono alle 17, a prescindere dalla stagione per cui in estate lo spreco è veramente intollerabile. Ci sono poi i costi dell´approviggionamento idrico che vanno razionalizzati.

Insomma c´è ancora un lavoro di "disboscamento" da fare ma a conti fatti in prima linea ci saranno i cittadini che dovranno sborsare decine di euro in più per pagare l´aumento dell´Imu. Ci sono poi casi particolari come quello dei residenti nel centro storico che abitano in una stesso immobile dove il primo piano risulta come prima casa e l´altro come seconda perchè acquistato successivamente. Un´anomalia che bisogna correggere per non penalizzare due volte il contribuente.