Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 546
RAGUSA - 01/10/2013
Politica - La direzione provinciale del partito ha votato all’unaninimità la proposta del segretario

Ufficiale: a Ragusa i circoli del Pd sono ben 3!

Ma il segretario cittadino Peppe Calabrese non è per nulla d’accordo. Il si dei Renziani e di Gianni Battaglia

A Ragusa i circoli Pd sono tre. Lo ha detto la votazione che la direzione provinciale del Partito ha fatto in modo unanime. La scelta del segretario uscente, Salvo Zago, di mettere all´ordine del giorno la ratifica del secondo e del terzo circolo e la conseguente votazione sembra avere portato la pace all´interno del partito ma il fuoco cova sotto la cenere.

Il segretario cittadino Peppe Calabrese non è per nulla d´accordo sulla costituzione e l´ufficialità dei tre circoli: "Ritengo un errore in una città come Ragusa avere ben tre circoli, che rappresentano null’altro che una lacerazione Chi ha deciso questa lacerazione se ne prenda la responsabilità: io resto dell’avviso che tutta questo si configuri solo nei termini di un’attività precongressuale legata al tesseramento, che comunque chiunque avrebbe potuto svolgere benissimo all’interno del nostro stesso circolo". Per Calabrese insomma è iniziata la lunga preparazione al congresso e l´atteggiamento del segretario provinciale non è stato per nulla giudicato imparziale grazie alla "vicinanza" dello stesso Zago a Gianni Battaglia che del secondo circolo è leader ed animatore.

Per Salvo Zago la storia è tutta diversa perchè "La nascita dei due circoli garantirà senza alcuna volontà di contrapposizione interna al partito. I promotori hanno rappresentato perfettamente la volontà di accrescere i luoghi in cui fare politica e quindi offrire uno strumento in più alla comunità ragusana».

Se i promotori del secondo circolo si sono visti riconosciuti l´ufficialità e lo spazio politico che cercavano senza essere additati a frondisti anche nell´area Renzi, che si identifica nel terzo circolo c´è soddisfazione. Dice Mario D´Asta: "Apprezziamo molto il buon senso e la responsabilità della direzione provinciale, che ha guardato con favore a questa spinta verso l’apertura. Adesso spalanchiamo le porte della partecipazione a chi vuole contribuire a cambiare la nostra città».