Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1209
RAGUSA - 09/07/2013
Politica - Resta in carica e conserva il posto di segretario cittadino

"Terremoto" Pd Ragusa: Calabrese resiste agli "scossoni"

Sta di fatto tuttavia che Riccardo Schininà, Alessandra Vicari, Alessandra Sgarlata e Roberto Lo Frano hanno dato le dimissioni

Se ne riparlerà in autunno. Peppe Calabrese resta in carica e conserva il posto di segretario cittadino nonostante dimissioni a raffica di componenti del direttivo che hanno certificato la loro sfiducia nei confronti del segretario. La riunione tenuta nei locali di via Roma alla presenza del segretario regionale Lupo è servita a fare chiarezza tra le parti contrapposte ma non ha sciolto i nodi. Peppe Calabrese si è sentito anzi legittimato dall´appoggio ricevuto dal segretario regionale che ha giustificato la scelta fatta a Ragusa di puntare su Giovanni Cosentini come continuità con quanto fatto a Palermo e voluto dallo stesso presidente Rosario Crocetta.

Sta di fatto tuttavia che Riccardo Schininà, Alessandra Vicari, Alessandra Sgarlata e Roberto Lo Frano hanno dato le dimissioni e criticato aspramente le scelte di Calabrese ed anche Giancarla La Cognata è pronta a fare un passo indietro. Per non parlare della diaspora del secondo circolo che si è arroccato ancora di più ed attende ormai il confronto aperto al congresso. Calabrese resiste e per il momento lancia segnali a chi lo attacca: "Guai a chi mi infanga" scrive ma per il segretario il terreno comincia a sgretolarsi sotto i piedi.


sarebbe più corretto dire .......
09/07/2013 | 14.00.00
cento49

secondo me, piuttosto che insistere nel difendere la candidatura Cosentini, il segretario Lupo avrebbe fatto meglio a dire che i cittadini ragusani hanno fatto scelte, votando Piccitto, diverse da quelle che ipotizzava il PD. Non sempre nei partiti si è in condizioni di proporre il meglio, ed ai cittadini si deve lasciare la possibilità di esprimersi anche in dissenso col partito di loro appartenenza. E non sempre si può vicere. E´ meglio concentrarsi per i prossimi impegni e fare politica in modo serio ed impegnato, anche dall´opposizione, con tanta trasparenza e rispetto per i cittadini-elettori; se saremo bravi, i cittadini ci premieranno la prossima volta.
Un iscritto PD.


Anomalia italiana
09/07/2013 | 12.22.36
carmelo

Sarebbe ora che chi fallisce presentando un progetto, daltronde dato perdente già in partenza, si mettesse da parte e mettesse da parte la boria che lo contraddistingue