Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1044
RAGUSA - 11/06/2013
Politica - Amarezza e soddisfazioni dei candidati a sindaco dopo il voto

Cosentini pronto a dialogare con Barone e Antoci. Cosa farà Piccitto?

Ciccio Barone minaccia ricorso al Tar per bocciatura terza lista. Iacono: «Avevo proposto il sorteggio al Movimento città»; Platania e Antoci recriminano
Foto CorrierediRagusa.it

Soddisfazioni e recriminazioni, i 6 candidati a sindaco a risultato definitivo si abbandonato a dichiarazioni che mascherano delusioni ed esaltano soddisfazioni. Per Giovanni Cosentini, il più votato dei 6, «ha vinto la proposta e non la protesta, spero che il ballottaggio premi la buona politica». E anche Nello Dipasquale, lo stratega politico degli ultimi anni nel capoluogo, parla di «campagna elettorale dai toni bassi che ha messo in evidenza solo programmi. Cercheremo di far comprendere la bontà del nostro progetto al ballottaggio».

Franco Antoci, arrivato terzo, recrimina per i troppi voti persi perché l’elettore non ha espresso la preferenza sul nome del candidato e si ritiene soddisfatto perché in poco tempo è riuscito a mettere su una coalizione che ha ottenuto un buon risultato e molte adesioni. «Alleanze per il ballottaggio? Troppo presto per decidere»- dice Antoci.

Ciccio Barone minaccia il ricorso al Tar per la non ammissione della sua terza lista. «Da semplice assessore- afferma Barone- ho creato un movimento che ha lottato contro una corazzata. I grillini? Conoscendo Grillo dico che non sono in condizioni di amministrare Ragusa».

Giovanni Iacono (nella foto a destra con Enrico Platania), di Partecipiamo, parla di «miracolo ottenuto in due mesi di campagna elettorale con una lista civica che ritengo abbia fatto la migliore proposta politica. Gli altri avevano molte liste». Riguardo alle alleanze, Iacono rivela tutti i tentativi fatti con Movimento città fino a poche ore dalla presentazione delle liste. «Ho proposto persino il testa e croce per fare sintesi su una candidatura unitaria dopo che non hanno accettato le primarie della chiarezza programmatica. Cosa avrei dovuto fare di più?»

Enrico Platania, che pure ha avuto un buon risultato, dice di avere «l’amaro in bocca, con più fortuna avremmo potuto raggiungere il ballottaggio. Alleanze? Per ora godiamoci questa splendida vittoria».

Ma chi può veramente cantare vittoria è Federico Piccitto. Giovane ingegnere, a digiuno di politica, esponente Cinque stelle, che va in controtendenza rispetto al resto d’Italia e raggiunge il ballottaggio. Unico grillino d’Italia che ottiene questo piazzamento. «Sono molto soddisfatto- dice Piccitto- ora riprenderemo la campagna elettorale». Ma qui comincia il bello, perché Piccitto deve decidere se confermare le idee della vigilia, cioè andare da soli, oppure tentare un accordo con altre coalizioni per puntare a un risultato clamoroso e storico per una città come Ragusa.


TUTTI VINCITORI
11/06/2013 | 9.50.03
Peppino C.

Insomma, tutti vincitori, nessun sconfitto !!! Mah, vai a capirci qualcosa...