Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 883
RAGUSA - 14/05/2013
Politica - La presentazione del candidato a sindaco

Antoci ufficializza i primi 3 nomi dei suoi assessori

La mia ricetta per il buon governo: «Attenzione al centro storico, taglio delle indennità degli amministratori, semplificazione e informatizzazione della macchina burocratica del Comune»
Foto CorrierediRagusa.it

Il candidato sindaco Franco Antoci (foto) ha ufficializzato i primi tre nomi che comporranno la sua squadra assessoriale. Si tratta dell’ingegnere Salvatore Brinch, dell’avvocato Giovanni Cultrera e della dottoressa Rita Xiumè. «Θ una squadra composta da persone che hanno delle specifiche competenze nell’amministrazione e nel governo della città – ha commentato Antoci –. Brinch, già funzionario del Genio Civile, è stato assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Ragusa. L’avvocato Cultrera è stato presidente Istituto Autonomo Case Popolari. La dott.ssa Xiumè è esperta di bilanci e contabilità». Franco Antoci e i rappresentanti delle altre liste hanno già completato tutti gli adempimenti relativi alle liste che verranno presentate domani.

ANTOCI CI RIPROVA
«Abbiamo iniziato questa campagna elettorale in zona Cesarini, speriamo valga la logica evangelica per la quale gli ultimi saranno i primi». Con queste parole, Franco Antoci, candidato sindaco per Pdl, Movimento Civico Ibleo e Ragusa Protagonista, si è presentato in conferenza stampa per aprire ufficialmente la propria campagna elettorale. «Inizialmente avevo deciso di vivere questa avventura in secondo piano – ha spiegato Antoci – ma alla fine ha prevalso il mio amore per questa città e l’affettuosa insistenza da parte tante persone che mi stimano. Un ringraziamento particolare lo devo a Salvo Mallia e Salvatore Brinch, perché il loro passo indietro ha consentito la mia candidatura».

A fianco di Antoci, il deputato regionale Giorgio Assenza e il senatore Giovanni Mauro. Assente, per impegni parlamentari, il deputato nazionale Nino Minardo. «Siamo grati – ha dichiarato l’on. Assenza – di avere la possibilità di fare una campagna elettorale, sicuramente difficile, con un candidato che è espressione di sicurezza e affidabilità. Questo ci riempie d’orgoglio e sono sicuro che i ragusani non cadranno nel tranello di chi li vorrebbe governati da proconsoli».

«La candidatura di Antoci intende dare visibilità ai moderati ragusani – ha dichiarato il senatore Mauro –, che hanno dimostrato di essere maggioranza in questa città e che desiderano un’amministrazione concreta, attenta al sociale, che risolva i problemi della città. Alla variegata e litigiosa proposta del centrosinistra, noi contrapponiamo la nostra, fatta di buona amministrazione».

Il candidato sindaco, Franco Antoci, ha illustrato i punti principali del suo programma elettorale. In primo piano urbanistica e centri storici, ma anche un taglio ai costi della politica e un’accelerazione per favorire il processo di sburocratizzazione e informatizzazione del Comune, ormai non più rinviabile. «Il centro storico sta morendo – ha dichiarato Antoci – occorre una decisa inversione di tendenza, bisogna incentivare le attività economiche sia attraverso la leva fiscale che con apposite convenzioni bancarie per facilitare i mutui. Il piano particolareggiato del centro storico offre in questo senso nuove opportunità da sfruttare e va difeso».

E con una crisi economica senza precedenti, un segnale forte che lancia Antoci è quello dell’abbattimento del 50 per cento dell’indennità del sindaco. Le somme verranno appostate in un apposito capitolo di bilancio e serviranno per interventi di solidarietà sociale. Per i consiglieri comunali sarà proposta un’indennità massima onnicomprensiva mensile. Infine l’informatizzazione dell’ente, da raggiungere mediante il sistema delle «scrivanie elettroniche», già sperimentato con successo alla Provincia Regionale.


Bella accoppiata
17/05/2013 | 10.12.40
Il Criticone

Bella accoppiata Antoci-Mauro, il primo non la smette, vuole continuare a vivere la notorietà e il guadagno; perchè non torna a fare il suo lavoro di ingegnere? L´altro è andato in Campania per farsi eleggere, qui in provincia lo avrebbero cag...to tutti.Meditate gente, meditate...