Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1611
RAGUSA - 05/04/2013
Politica - Pd, Udc e Megafono confermano la consultazione del 14. D’Asta si ritira dalla competizione

Territorio si sfila dalle primarie a Ragusa. Si faranno?

Michele Sbezzi contesta metodo e modi della riunione per definire le primarie del centro sinistra

A Ragusa si va verso le primarie ma c’è ancora confusione nelle file del centro sinistra. Il termine di presentazione delle candidature è slittato a sabato alle 12; confermata la data di domenica 14 anche se i seggi saranno allestiti in gazebo in piazza Libertà per l’indisponibilità del Teatro Tenda. E’ stata approvata una carta di intenti con sedici punti anche se Territorio, tramite il suo presidente Michele Sbezzi, contesta metodo e modi, dicendo che Territorio non era presente alla riunione cui hanno partecipato invece i rappresentanti di Pd, Megafono ed Udc.

I punti salienti del documento, a questo punto non ufficiale sono l’accesso e la trasparenza degli atti garantita a tutti i cittadini, la rivitalizzazione del centro storico, lo stop alla cementificazione delle periferie, una nuova gestione dello smaltimento dei rifiuti. Il documento è alla base dell’accordo dei quattro partiti che si riconoscono nell’alleanza del centro sinistra ma la fuga in avanti e l’ufficializzazione del documento hanno aperto un’incrinatura con Territorio.

Dice Michele Sbezzi: «Grandissimo è quindi lo stupore con il quale apprendiamo dell´avvenuta pubblicazione e diffusione alla stampa di un regolamento, sul quale abbiamo espresso forti perplessità, e di altri documenti alla cui stesura non abbiamo partecipato affatto. L´improvvisa accelerazione, impressa alla vicenda da chi ben sapeva della nostra riunione indetta per venerdì 5 aprile, è cosa che non lascia spazio al dibattito».

Mario D´Asta, esponente dell´area Renzi in città, ha invece annunciato di volersi tirare indietro: «Faccio un passo indietro e non voglio nulla in cambio, né assessorati né posti di sottogoverno. Mettiamo a disposizione del PD, del centro-sinistra e della città le nostre idee, energie ed entusiasmo! Ci candidiamo per rappresentare in consiglio comunale, come Area Renzi, le ragioni del cambiamento di Ragusa e del rinnovamento della politica».