Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 703
RAGUSA - 06/03/2013
Politica - Dopo la riunione del Coordinamento cittadino

La base Idv vuole Iacono candidato

Promuovere un percorso libero da qualsiasi vincolo, con i Con-Concittadini, con i movimenti civici, con tutti i soggetti che hanno a cuore le sorti di Ragusa
Foto CorrierediRagusa.it

Oltre i recinti dei partiti. Il coordinamento cittadino di Italia dei valori dopo la riunione di lunedì sera, convocato appositamente per esaminare la situazione politica nel capoluogo a pochi mesi dalle elezioni per eleggere la nuova amministrazione e il consiglio comunale, ha sciolto le riserve e ha chiesto ufficialmente la candidatura a sindaco di Giovanni Iacono (nella foto l’ultimo a destra) in nome della città che vuole voltare pagina andando al di là dei partiti.

«Ribadendo la nostra scelta di andare oltre il ‘recinto’ dei partiti –scrive Daniele Di Stefano dell’Ufficio comunicazione- promuoviamo un percorso, libero da qualsiasi vincolo, con i Con-Cittadini, con i movimenti civici, con i mondi vitali della Città, con tutti i soggetti che hanno a cuore il bene comune, invitando Giovanni Iacono, che non ha mai amministrato e che riteniamo sia la persona che meglio di chiunque altro, e ancora di più oggi che i fatti gli danno ragione, incarni la totale discontinuità con tutto ciò che fino ad oggi ha governato città e territorio, a candidarsi a sindaco di Ragusa.

Il coordinatore provinciale non si è ancora pronunciato. Aveva fatto intendere di essere interessato ma non ancora pronto per un eventuale impegno per palazzo dell’Aquila. Il coordinamento gli spiana la strada. E mentre negli altri partiti ci si divide per individuare il candidato e se affidarsi alla competizione delle primarie, il coordinamento Idv facilita la strada a Iacono invitandolo a sciogliere le riserve.

«In un contesto di grave crisi economica, politica, istituzionale e morale riteniamo che si è al punto di arrivo di un sistema politico, nato e sviluppatosi in particolari condizioni storiche che, purtroppo, spesso ha prodotto l’identificazione soffocante tra Istituzioni e sistema dei partiti. Anche nell’ambito locale abbiamo assistito all’occupazione e alla lottizzazione degli enti di governo e di sottogoverno, nella gestione del territorio si sono privilegiati gli interessi particolaristici a danno del bene comune, non si sono attivate le leve dello sviluppo sostenibile per creare buona e sana occupazione, si sono alimentati i clientelismi creando disaffezione civica».

Dopo un anno dalle ultime elezioni molti soggetti politici si ritrovano sulle posizioni di Iacono. «Da mesi- scrive ancora il coordinamento- in tutti gli organi di stampa vengono riportati i comunicati di diversi soggetti economici che oggi denunciano i danni prodotti dalla cementificazione abnorme promuovendo la green economy mentre qualche anno fa, gli stessi soggetti diramavano comunicati stampa dove ci accusavano di essere ‘contro lo sviluppo e talebani’ e di fare’ trascorrere il Natale triste a tante famiglie che per colpa nostra non potevano costruire la casa. Oggi, pur non dimenticando il passato, siamo contenti dal cambiamento di rotta e siamo disponibili a ragionare assieme a tutte le persone di buona volontà di futuro. Riteniamo che oggi alla Città di Ragusa serve andare oltre i recinti dei partiti, oltre i vincoli ideologici, oltre i qualunquismi e i populismi ed avviarsi lungo percorsi di partecipazione delle energie positive esistenti e di cittadinanza attiva in un progetto forte di sviluppo di comunità che sia sul solco netto e discriminante della discontinuità con il modello di governo locale finora adottato».