Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 581
RAGUSA - 25/02/2013
Politica - Nino Minardo, Venerina Padua e Marialucia Lorefice sono i parlamentari della provincia

Da Napoli con furore: Mauro ritorna al Senato

Maria Marzana, 31 anni, tedesco-rosolinese, 31 anni, eletta nel M5S nel collegio di Siracusa, ma operante ad Ispica, si può considerare eletta "a metà" in provincia di Ragusa Foto Corrierediragusa.it

A conti fatti quattro deputati e…. mezzo. Rispetto all´unico rappresentante in Parlamento, Nino Minardo, della precedente legislatura, è un bel passo in avanti per la provincia iblea. Alla grillina MariaLucia Lorefice infatti si affianca la «tedesca-rosolinese» ma ispicese di elezione, Maria Marzana, 31 anni. E’ stata eletta alla Camera per il M5S ufficialmente nel collegio di Siracusa. La Marzana, compagna ed amica della Lorefice, ha condiviso lo stesso percorso politico e gravitano su Ispica.

La vera novità tuttavia arriva da Napoli perchè a Nino Minardo, Venerina Padua e Maria Lucia Lorefice si aggiunge a pieno titolo Gianni Mauro (nella foto). Dalla Campania con furore si potrebbe dire; nessuno nel suo stesso campo politico se lo aspettava ma Mauro è riuscito a sorprendere tutti ed ora bisognerà fare i conti anche con lui in termini politici.

Ragusa innanzitutto e Giovanni Mauro non si ferma. Eletto in Campania al 12mo posto della lista per il Senato l’ex presidente della Provincia approda dopo 5 anni a palazzo Madama ma non dimentica la sua terra d’origine: «Ragusa Uber alles – dice da Napoli dove si è fermato il giorno dopo la sua elezione -
E Ragusa?

Mi dedicherò grande passione e dedizione anche perché il livello di degrado raggiunto mi sembra insopportabile. Penso per esempio alla questione acqua di questi giorni oltre al degrado sociale generale. Ci vogliono scelte importanti per la nostra terra ed io sono pronto ad impegnarmi.
Per esempio?

Ci sono le amministrative tra pochi mesi e serve un candidato a tutto il centro destra anche se questa elezione ci ha insegnato che bisogna andare al di là delle formule politiche. Dai prossimi giorni sarò al lavoro. Un saluto a tutti gli amici da Napoli e ci rivedremo presto a Ragusa".


Gli eletti in provincia

Il voto in provincia di Ragusa premia Grillo e colloca i 12 comuni iblei tra i grandi tributari del M5S. E’ il caso dei comuni più grandi a cominciare dal capoluogo dove i grillini al Senato raccolgono quasi il 36 per cento con 13.237 mila voti, Vittoria e Modica. In tutto sono stati 49.791 voti.
Alla Camera il M5S è al 32,60 per cento, subito dopo il centro destra con il 31,5, terzo centro sinistra con il 21, 5. Monti segue a distanza con il 5 per cento.

La provincia di Ragusa elegge due senatori ed un deputato nel nuovo Parlamento. Ma da Napoli arriva un rinforzo ed una vecchia conoscenza perché Giovanni Mauro, già senatore e presidente della Provincia è stato eletto grazie all’expoilt della coalizione del centro destra in Campania.

Al Senato ritroverà due facce nuove provenienti dalla sua provincia; si tratta di Venerina Padua, eletta nella lista del Pd, sciclitana, pediatra, già consigliere provinciale. New entry assoluta per la politica Marialucia Lorefice, nata a Modica, ma ispicese di origine e residenza, 33 anni, laureanda in Lettere Moderne. La Lorefice è stata eletta nella lista del M5S. Alla Camera ritorna Nino Minardo, modicano, già parlamentare Pdl nella precedente legislatura.
Nino Minardo ha dichiarato a caldo: "Sicuramente è quello che ci aspettavamo: un Paese diviso in tre, ma - per quanto ci riguarda - con un risultato molto soffisfacente. Abbiamo avuto un grande recupero. Berlusconi ancora una volta riconferma la fiducia di gran parte degli italiani. A questo punto ci vorranno grandi gesti di responsabilità: sarebbe assurdo tornare alle elezioni, in un momento in cui il nostro paese attraversa una crisi economica così profonda. Dare il buon esempio vuol dire riuscire a governare questo Paese, a fare le riforme, a cominciare da quelle economiche e poi quelle che servono a ristabilire il rapporto di fiducia tra la politica e i cittadini. Oggi vediamo comunque un´ampia partecipazione, rispetto alle regionali".

Venerina Padua ha così commentato il risultato elettorale: "Sono contenta di poter rappresentare la Provincia di Ragusa in Parlamento. Certo non posso essere contenta per il dato complessivo. Bisogna interrogarsi e chiedersi cosa è accaduto. Chi ha fatto la campagna elettorale certamente non è sorpreso del risultato del Movimento 5 Stelle: forse, anzi sicuramente non era messo in conto il recupero eccezionale del PdL. Non è una critica ma un´amara, tristissima considerazione: ancora una volta, purtroppo, c´è gente che crede alle favole".

Travolti dall’insuccesso dei rispettivi partiti gli altri candidati che correvano per la causa dei loro partiti. E’ il caso di Gigi Bellassai che avrebbe avuto possibilità di successo solo se il centro sinistra avesse avuto il premio di maggioranza per il Senato. Buoni i consensi per Marisa Giunta in Scelta Civica con quasi due mila voti, niente da fare per Giuseppe Lavima per l’Udc penalizzato oltremodo dal flop del partito di Casini.


La dignità non è un optional
27/02/2013 | 12.53.07
Il Criticone

I ragusani, che ben conoscono Giovanni Mauro, si associano al dolore degli elettori campani per essere stati abbindolati da un tale candidato che ha lasciato letame nella sua terra.


Ma io dico...
27/02/2013 | 11.00.05
Alberto

Penso non ci sia un modo educato e civile di accogliere questa notizia. Non capisco con che faccia questa gente ancora si fa vedere in giro, o addirittura si ricandida, e vince...

Ma gli elettori cosa pensano quando lo votano?


GATTOPARDO
27/02/2013 | 7.51.54
Antonio

Noi fummo i Gattopardi, i Leoni; quelli che ci sostituiranno saranno gli sciacalletti, le iene; e tutti quanti Gattopardi, sciacalli e pecore continueremo a crederci il sale della terra.»
Aveva ragione Giuseppe Tomasi di lampedusa!!!
NON CE NIENTE DA FARE SIAMO UN POPOLO CONDANNATO. Il bello e che ci crediamo liberi.


Il cavallo senatore
27/02/2013 | 0.01.08
asterix

Siamo riusciti finalmente a mandare via Fini a Montecarlo e quest´altro ci torna a nuoto come Grillo!


Uomo di cuore
26/02/2013 | 20.07.40
Giovanni

Vergognoso!!avrai Ragusa nel cuore,ma noi non ti abbiamo nel cuore,NON ABBIAMO DIMENTICATO...perché non ti candidavi capolista da noi??? A beddu si