Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 980
RAGUSA - 17/09/2012
Politica - Il Pd ragusano ha scelto Peppe Calabrese ma Fabio Nicosia scalpita

Almeno 11 liste in provincia e 60 candidati per 5 posti

Nel Pdl Nino Minardo deve sciogliere la riserva ma è orientato per il no. Tutti ricandidati gli uscenti

Partiti in fibrillazione per la definizione delle liste dei candidati. Entro la settimana il quadro sarà definitivo ma sono ormai pochi i nodi da sciogliere. In provincia gli elettori potranno scegliere tra almeno undici liste per un totale di una sessantina di nomi anche se alcuni partiti presenteranno solo 4 nomi invece dei 5 consentiti.

Solo il Partito dei siciliani, ex Mpa, ha scelto di presentare due liste mentre gli altri schieramenti si limiteranno ad una sola. In provincia ci saranno sicuramente la lista dei Forconi, vista la presenza del movimento che ha mosso i primi passi nel modicano, del Movimento 5 Stelle, il Partito comunista dei lavoratori. Nel Pd del capoluogo ha già sciolto il nodo e chiederà ufficialmente di presentare Peppe Calabrese insieme agli uscenti Pippo Di Giacomo e Roberto Ammatuna. Ci saranno anche le due donne, Anna Maria Sammito di Modica e Venerina Padua di Scicli ma a questo punto resterebbe fuori Fabio Nicosia di Vittoria. Gli ultimi giorni serviranno dunque a sciogliere il dubbio tra Nicosia e Calabrese.

Nel Pdl si attende la risposta di Nino Minardo ma il parlamentare non sembra intenzionato a correre per le regionali. Salvo Mallia è in pole position rispetto a Giovanni Occhipinti. Michele D’Urso potrebbe essere il candidato modicano, mentre nel versante ipparino ci sarà Giorgio Assenza. Sempre a sostegno di Nello Musumeci nel Pid il neo arrivato, Innocenzo Leontini che avrà a fianco il redivivo Peppe Drago.

In Grande Sud, a sostegno di Gianfranco Miccichè due nomi forti come l’uscente Carmelo Incardona e l’ex senatore Giovanni mauro. Nel Partito dei siciliani l’uscente Riccardo Minardo ed il commissario provinciale Giovanni Cappuzzello. La seconda lista sarà tutta concentrata sull’ipparino con Francesco Aiello. A differenza di quanto erroneamente riportato in precedenza, Gianni Cirnigliaro non è candidato. Ce ne scusiamo con l´interessato e con i lettori. Sel sosterrà Claudio Fava ed avrà come uomo di punta Enzo Cilia, consigliere comunale a Vittoria.

In IdV si dà per certa la candidatura del coordinatore provinciale Giovanni Iacono insieme a Pino Asta di Pozzallo, Melina Carrubba di Modica e Marco Piccione per l’ipparino.


Rivoluzione!
20/09/2012 | 23.17.16
Carlo

In questo momento verrebbe di fare solamente la guerra ai nostri politici che ci governano, ma anche a quelli che si presentano in questa altra occasione per loro molto ghiotta.
Svegliamoci! Non lasciamoci abbindolare dalle loro promesse!
Abbiamo un´alternativa a tutto questo, ed é il movimento 5 stelle, oltre... non ci resta che la Rivoluzione.


Più chiaro di cosí....
20/09/2012 | 22.54.02
Saro

Tutti i commenti sono eloquenti, questo è quello che tutti provano nel leggere ancora questi nomi. Ma perchè questa gente si presenta ancora? Semplice, perchè non sa far altro nella vita...non ha un mestiere......che tristezza...


Il nuovo che avanza...
19/09/2012 | 17.46.24
mau

Leontini, Drago, Mauro, Minardo... il nuovo che avanza! In bocca al lupo... ai siciliani!!!


facce nuove
19/09/2012 | 15.27.37
filippo licitra

Finalmente aria nuova nuovi volti nuova gente che bello respirare aria pulita , levatevi dalle palle gente mediocre che non avete alcun lavoro , trovatevelo.


voglia di vo(mi)tare
18/09/2012 | 23.54.01
peiorg

a leggere questi nomi viene il voltastomaco.