Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 800
RAGUSA - 05/09/2012
Politica - A Palermo il confronto tanto atteso

Lupo boccia candidatura Dipasquale nel listino Crocetta

Il segretario ha escluso che l’ex sindaco di Ragusa possa far parte del listino del presidente Foto Corrierediragusa.it

A Palermo il confronto nel corso del quale il segretario Peppe Calabrese ha spiegato perché, per i ragusani iscritti al partito, il nome di Nello Dipasquale, inserito nella lista di Crocetta presidente, non può assolutamente andare. "L´ex sindaco ha sempre individuato nel Pd il male assoluto, e ne ha sempre contrastato le iniziative" ha detto ieri in consiglio comunale Calabrese, "come farà ora a condividere il percorso di Crocetta, su punti come il muos, la cementificazione, il piano paesistico?" Il partito democratico aveva annunciato ieri mattina in conferenza stampa la possibilità di una fuoriuscita di massa qualora si fosse confermato l´accordo Dipasquale-Pd, mentre alcuni degli iscritti avevano già manifestato la volontà di consegnare la tessera.

Il segretario Lupo ha escluso che Dipasquale possa far parte del listino del presidente, e ha poi invitato il segretario provinciale Zago a fare sintesi tra le varie anime del partito in provincia, alla ricerca di un nome forte, un solo nome, da far correre alle regionali. Non si esclude che possa trattarsi di Gianni Battaglia. La sezione di Vittoria, pero´, aveva già fatto quadrato sul nome di Fabio Nicosia. La discussione quindi resta aperta all´interno del partito. Sempre stamattina a Palermo, intanto, Dipasquale era presente alla conferenza stampa con cui Crocetta avrebbe dovuto ufficializzare l´inserimento nella sua lista del nome dell´ex sindaco di Ragusa.

Ma a quanto pare, l´ex sindaco di Ragusa sosterrà Crocetta con un suo movimento. A questo punto tutto si gioca nel confronto tra Crocetta e il Pd, verso cui l´ex sindaco di Gela, oggi da Palermo non ha avuto parole gentili, accusando i democratici di non volerlo inizialmente candidato alla presidenza, e di avergli poi lasciato la libertà di inserire nella sua lista nomi di politici non di sinistra, proprio per prendere i voti degli elettori di destra delusi.

IL PD INFURIATO

Un Pd infuriato in provincia di Ragusa dopo la scelta dell´ex sindaco del comune capoluogo Dipasquale di non concorrere alla presidenza diretta della Regione, ma di entrare nel listino del candidato Crocetta, forse il più probabile dei successori di Lombardo.

Netta contrarietà insomma al fatto che Nello Dipasquale sia inserito all’interno della lista Crocetta presidente, addirittura anche nel listino. E’ quanto hanno ribadito i componenti della segreteria del Pd di Ragusa. Non c’era il segretario Peppe Calabrese che, proprio per le peculiarità del suo ruolo, si sta ponendo in una situazione di mediazione tra le parti, per rispetto dei vertici nazionali e regionali del partito.

Ad esprimere netta contrarietà, quindi, il vicesegretario del Pd di Ragusa Maria Criscione, che ha parlato di un forte disagio per il partito e per tutto il popolo del centrosinistra ragusano. Toni molti forti anche da parte di Nanny Frasca, Giovanni Lauretta e Riccardo Schininà che, chiedendo al segretario regionale Giuseppe Lupo e al candidato alla presidenza Rosario Crocetta un incontro in tempi brevi per affrontare al meglio la situazione, sono pronti ad autosospendersi dal Pd qualora non dovessero arrivare risposte concrete riguardo alla scelta fatta dallo stesso Crocetta.

Da parte di tutti i componenti della segreteria è stato, quindi, possibile registrare un netto contrasto alla suddetta indicazione. «Occorre portare avanti – è stato spiegato – i valori di cosa significa fare politica. Anche se sono mutate le contingenze politiche nazionali, esiste ancora il centrosinistra e il centrodestra e Dipasquale è chiaramente un esponente del centrodestra ragusano e, da qualche periodo, anche del centrodestra regionale. E con lui non abbiamo proprio nulla da spartire».

Frasca ha sottolineato inoltre il fatto che, non essendoci persone in questa segreteria che la politica la fanno di mestiere, non è detto che ci possa essere un appoggio a Crocetta alle prossime elezioni (almeno da parte sua) qualora i fatti rimangano come quelli attuali.

Della stessa opinione anche il capogruppo in Consiglio comunale Sandro Tumino che però ha smorzato i toni sostenendo che è fondamentale e importante che il candidato presidente e il segretario regionale possano confrontarsi con il partito a livello cittadino riguardo a tale scelta e che, successivamente al suddetto incontro, a seconda delle risposte che saranno offerte, si deciderà la linea.

Infine Riccardo Schininà ha fatto sapere che è stato diffuso un documento indirizzato a Bersani, Lupo e a tutti gli esponenti del Pd che si stanno occupando delle elezioni regionali in Sicilia. Il documento vede la firma di molti dirigenti della provincia di Ragusa, nonché di parlamentari all’Ars. Nel documento l’intesa Crocetta-Dipasquale viene criticata con estrema durezza.

Ma non tutti nel Pd ibleo vedono sotto una cattiva stella l´accordo tra Dipasquale e Crocetta. A Salvo Zago, per esempio, la circostanza andrebbe pure bene, così come a Gianni Battaglia. Non dello stesso avviso il già citato Tumino, oppure l´oppositore "storico" a Ragusa di Dipasquale, vale a dire quel Peppe Calabrese che si ritroverebbe a sostenere alle Regionali il suo ex "nemico". Come finirà? Al momento, forse, solo il "Lupo" lo sa!

DIPASQUALE - CROCETTA: L´ACCORDO FATTO
Il Movimento Sicilia e Territorio e il candidato alla presidenza della Regione, Rosario Crocetta, hanno raggiunto e chiuso un accordo programmatico per le prossime elezioni regionali 2012. Il segretario regionale di Sicilia e Territorio, Nello Dipasquale, e il candidato alla presidenza Rosario Crocetta, dopo un lungo e articolato confronto ritengono che si possa lavorare insieme per un percorso comune che ridia slancio alla vita della nostra Regione. L´idea è quella di mettere al centro dell´obiettivo politico il rilancio degli enti locali, vero cuore pulsante della vita di ogni cittadino.

L´accordo programmatico riguarda specifici obiettivi partendo dalla crisi attuale dell´agricoltura, dal potenziamento delle infrastrutture e, come accennato, dal rilancio degli enti locali con particolare attenzione alla questione del patto di stabilità e del trasferimento delle risorse.


ma che può essere?
05/09/2012 | 17.11.27
peio

non ci credo, manco se lo vedo con i miei occhi!
ne avevo visti di scecchi in volo, ma questo li batte tutti.
Dignità, manco questa avete.

Ma di un bel commissariamento dell´inutile regione
che ne pensate?


poveraccio
05/09/2012 | 16.50.19
Germano

poviru Dipasquali ma chiè nun l´ha caputu ca nun ti vuonu?


assurdo ...
05/09/2012 | 13.45.08
vittorio

Non resta altro che attendere che il Diavolo faccia la doccia con l´Acqua Santa, che i gatti si riproducano con i cani e che Bersani prepari una lista con Berlusconi capo lista e Fini secondo ....


VERGOGNOSO
05/09/2012 | 12.26.34
Renato

Pensavo che Crocetta fosse piu´ serio, invece siamo sempre al solito, poi non parliamo di Di Pasquale che pur di stare nella mangiatoia darebbe anche il cu.. !! .


Coup de foudre
04/09/2012 | 0.14.06
biagino

Dietro l´improvviso valtafaccia di DP si insinuano motivi ignobili, ma perché escludere un irresistibile colpo di fulmine...