Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 848
RAGUSA - 19/07/2012
Politica - Il vice coordinatore regionale di Idv sullo scambio di battute Monti-Lombardo

Iacono (Idv): "Lombardo? Basta con dimissioni a rate"!

"Il governatore sta ulteriormente umiliando la Sicilia inventandosi le dimissioni "a rate"

"La lettera del Presidente del Consiglio non è inusuale nè anomala, semmai l´anomalia o meglio l´allergia a tutto ciò che rappresenta l´etica e il bene comune è rappresentata da Lombardo e dai suoi alleati di questi anni". Così esordisce Giovanni Iacono, vice coordinatore regionale di Italia dei Valori che così prosegue: "Raffaele Lombardo sta ulteriormente umiliando la Sicilia inventandosi le dimissioni "a rate".

Questa formula delle dimissioni "a rate" è unica al mondo, un primato tutto "Lombardiano". Ha annunciato da mesi che "si dimetterà" e nel frattempo continua ad occupare e a tenere in ostaggio le Istituzioni Regionali continuando, incessantemente, l´opera lottizzatrice piazzando a destra e manca amici e amici degli amici. Intanto - continua Iacono - la Sicilia muore, una agonia dii occupazione, di sviluppo, di imprese, una Regione con 5 miliardi 247 milioni di euro di debito, con la vergogna di avere avuto sospesi i fondi dell´Unione Europea "per troppe irregolarità e carenze nel sistema di gestione e controllo", con migliaia di imprese e, in proporzione, la maggioranza nella provincia di Ragusa, che ancora devono avere dalla Regione i soldi degli sgravi contributivi per i lavoratori assunti oltre 10 anni fa.

Raffaele Lombardo - conclude Iacono - faccia una vera opera di carità, di servizio al bene comune e si dedichi, come ha detto, alle sue proprietà agricole così, forse, si renderà conto delle condizioni disastrose in cui versa il settore primario ed anche qui, la provincia di Ragusa che ha avuto iin passato l 38 % di Pilv dall´agricoltura, paga alla malapolitica regionale, nazionale ed europea un prezzo altissimo".