Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 27 Maggio 2018 - Aggiornato alle 12:36
RAGUSA - 10/07/2012
Politica - L’elezione nel corso di un’assemblea alla presenza di Pippo Fallica

Cugnata coordinatore provinciale di Grande Sud

Pieno appoggio alla candidatura di Micciché alla presidenza della Regione. Cugnata: «Unirò tutti quelli contrari alla fusione forzata fra FI e An»
Foto CorrierediRagusa.it

Giancarlo Cugnata (nella foto con Pippo Fallica e Roberto Centaro) è il nuovo coordinatore provinciale di Grande Sud. E’ stato eletto dall’assemblea riunitasi a Ragusa sotto l’autorevole presenza del coordinatore regionale del partito, nonché senatore, Pippo Fallica. C’erano anche Carmelo Incardona e Giovanni Mauro.

Dopo l’analisi della situazione politica in vista delle elezioni regionali che vedranno il leader di Grande Sud Gianfranco Micciché candidato alla presidenza della Regione, è stato formulato un progetto di lavoro, valido per tutta la Sicilia, finalizzato alla catalizzazione di un’ampia convergenza su Gianfranco Micciché.

Dopo i vari interventi la conclusione è stata affidata a Giancarlo Cugnata, che avrà il compito di formare la segreteria politica organizzativa in provincia di Ragusa. «Mi è stato affidato un compito che ritengo particolarmente gravoso ma nello steso tempo esaltante – ha detto Cugnata -. Sono certo che in breve tempo riusciremo ad organizzare in tutti i comuni iblei la strutturazione del movimento. Intendo peraltro coinvolgere tutti quegli amici che, impegnati un tempo in Forza Italia, non si sono più rivisti in quel nuovo soggetto politico che ha fuso, a forza e contro ogni ragionevolezza FI ed An. Sono certo che faremo ritrovare nelle persone più valide l’interessamento per la propria terra. Fin dalla prossima settimana avvieremo incontri in tutti i comuni nelle frazioni, per programmare azioni capillari in tutta la provincia».