Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1310
RAGUSA - 27/06/2012
Politica - Il voto finale è arrivato nel cuore della notte con 18 sì e 3 no

Si salvano solo i servizi sociali nei tagli del bilancio 2012

Stanziati 450 mila euro in più per l’Università. Critico il Pd, accorata la conclusione del sindaco Dipasquale

La maratona è finita alle 3 del mattino. Quasi due giorni di seduta per l’approvazione del bilancio 2012. Alla fine con 18 voti favorevoli e tre contrari (tutti del Pd, Calabrese , Barrera e Lauretta) il documento di programmazione economica è stato votato non senza qualche di pancia della maggioranza ed in particolare nei banchi dell’Udc.

Per il sindaco Nello Dipaquale, arrivato in aula tardi, non è stato facile e lo ha detto a conclusione dei lavori: «Ringrazio tutti i consiglieri della maggioranza per l’attento lavoro svolto. E’ stato un bilancio difficile, sicuramente il più difficile della mia carriera». E’ stato un sindaco accorato, a qualcuno il discorso di Dipasquale è suonato come un commiato alla luce delle ultime notizie provenienti da Palermo dove si dà per scontata la candidatura di Dipasquale alla Regione.

Il bilancio del comune soffre dei 5 milioni 100 mila euro di trasferimenti in meno da parte di Stato e Regione. Ne hanno dovuto prendere atto i 30 consiglieri e si è visto alla prova dei fatti visto che solo sei emendamenti dei 31 presentati sono stati approvati. Il più importante riguarda il finanziamento per il Consorzio universitario che dagli originari 900 mila euro è passato a 1450 euro e consentirà al consorzio di pagare la convenzione con l’Università di Catania. Il bilancio ha introdotto tagli in tutti i settori, dallo sport agli spettacoli, dalle manutenzioni alla macchina burocratica del comune, ma non ha intaccato i servizi sociali.

Non ci sono aumenti di tasse per i contribuenti ma sarà incrementata la lotta all’evasione, questo almeno l’impegno assunto dal sindaco per recuperare risorse. L’approvazione del bilancio, ma soprattutto la bocciatura di alcuni emendamenti come quelli per l’acquisto di defribillatori, il sostegno ai commercianti di via Roma e lo smaltimento dell’amianto, presentati dal Pd, ha fatto salire la tensione in aula con scontri a vviso aperto tra Peppe Calabrese e Ciccio Barone. Sono anche volate parole grosse ma alla fine tutto è rientrato pur se il Pd ha dato un giudizio molto negativo sul bilancio voluto dalla giunta Dipasquale.