Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:22 - Lettori online 1419
RAGUSA - 18/06/2012
Politica - L’annuncio dell’adesione in conferenza stampa a Ragusa

Pozzallo, "Il Timone" di Pino Asta si dirige verso l´Idv

Il partito ha un gruppo consiliare a Pozzallo. Asta: «Le nostre battaglie consiliari improntante allo stile Idv». Iacono candidato alle regionali? "Sì se ci sono le condizioni"
Foto CorrierediRagusa.it

Giovanni Iacono (nella foto con Pino Asta e altri dirigenti Idv durante la conferenza stampa) candidato alle regionali per Italia dei Valori? La volontà dell’interessato c’è, bisogna verificare se ci sono le condizioni perché la candidatura si realizzi. Intanto il leader del partito di Di Pietro cresce in provincia e fa proseliti. Mentre c’è la corsa all’adesione verso le liste civiche dell’Antipolitica, a Pozzallo, la lista civica «Il timone» pilotata da Pino Asta aderisce a Idv.

E’ stato annunciato nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella sede del partito a Ragusa. L’annuncio è stato dato dal consigliere comunale Pino Asta, accompagnato dal presidente del movimento Giorgio Spadaro, dal vice coordinatore regionale e coordinatore provinciale Giovanni Iacono, dal vice coordinatore provinciale Pietro Savà e dal capogruppo consiliare a Ragusa, Salvo Martorana.
Proprio Martorana ha messo in evidenza il fatto che proprio mentre «dappertutto si parla di antipolitica, in cui i partiti tradizionali, soprattutto del centro destra danno vita ad associazioni varie, nel tentativo di arginare la perdita di consensi elettorali, qui a Ragusa si assiste ad un fenomeno diametralmente opposto, in cui un movimento e la sua lista civica collegata, che sono stati protagonisti a Pozzallo dal 2006 e fino alle recentissime amministrative di Pozzallo, decidono invece di aderire ad un partito, quell’Italia dei Valori che rappresenta sicuramente una novità nell’ambito dei partiti tradizionali, facendosi attenta interprete dei bisogni di base di cittadini, gente comune, di persone per bene e dando loro voce anche nei palazzi del potere».

Pino Asta ha ricordato che le battaglie condotte in Consiglio comunale sono state sempre improntate allo stesso stile di Italia dei Valori basate sull’etica e al perseguimento del bene comune. Giovanni Iacono ha detto che Italia dei Valori non si fa portavoce dell’antipolitica, ma portavoce dell’anti «mala politica», diventa partito che in questi anni ha promosso la partecipazione democratica con i referendum ed assunto, con coerenza, iniziative legislative concrete a difesa dei cittadini e contro i privilegi della casta».