Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 579
RAGUSA - 07/06/2012
Politica - Le conseguenze della delusione dei partiti

Leontini e Maira presentano a Palermo il Polo moderato

E’ la nuova frontiera della scena politica siciliana

Il progetto del polo moderato prende forma. Lo presentano oggi a Palermo Innocenzo Leontini e Rudy Maira, che delusi dal sistema dei partiti, cominciare da Pdl e Pid dove militano, hanno intenzione di far nascere un nuovo soggetto politico. E’ la nuova frontiera della scena politica siciliana, quasi un laboratorio, che come è accaduto negli anni passati, si estenderà poi al resto del Paese.

Innocenzo Leontini parte da un assunto: «La politica siciliana sta male; questa situazione, però, non può essere aggredita con gli strumenti che si usano a livello nazionale perché i partiti, a Roma, si stanno contorcendo all’ombra del Governo Monti. La situazione va affrontata in emergenza, con un laboratorio che sia in grado non solo di interpretare il linguaggio della sofferenza della gente, ma di alleviare quelle stesse sofferenze con le ‘cure’ appropriate.

Alla Sicilia serve alla Sicilia un’azione coraggiosa, che si caratterizzi per la qualità delle proposte e delle soluzioni da applicare al Governo dell’Isola. Nuove idee per la rimozione delle macerie, una formazione di protezione civile necessaria per allontanarsi dal disastro provocato da Lombardo».

Per il capogruppo Pdl tutti i maali derivano dunque da Lombardo e bisogna dunque riposizionare gli schieramenti e gli uomini. Dietro la proposta apparentemente innovativa c’è il rischio di ritrovarsi con gli stessi attori, protagonisti e comprimari, che leggono un copione già visto, seppur riveduto e corretto in funzione di quella voglia di antipolitica che si vuole rintuzzare e assopire a tutti i costi. Nel centro destra c’è l’urgenza a ristabilire il rapporto con una base disillusa ed in fuga ed ecco quindi liste fortemente connotate dal legame stretto con il territorio e con associazioni, movimenti, gruppi. E’ l’estremo tentativo di recuperare ma i buoi sono ormai fuggiti dalla stalla.