Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1278
RAGUSA - 06/06/2012
Politica - Per il parlamentare bisogna ripensare i partiti

Nino Minardo fa autocritica e anela alla "rigenerazione"

Si deve ripartire dagli errori commessi
Foto CorrierediRagusa.it

Rigenerare i partiti affinché tornino a rivestire il ruolo e la funzione propri: ossia, quello di presidio della vera democrazia, ove il cittadino esprima le proprie idee ed i propri bisogni, affinché il "politico" possa dare risposte concrete.

Non è un nuovo "movimento", né l´ennesima associazione che tuona contro i partiti, facendo da grancassa all´imperante antipolitica, senza però tirar fuori alcuna proposta concreta e perseguibile. La necessità, piuttosto, di un profondo restyling, ma tutto interno ai partiti già esistenti. Muovendo dall´autocritica e dagli errori commessi, l´urgenza di ripartire creando una nuova generazione politica, intesa, non solo e non tanto in senso anagrafico, ma delle idee e delle finalità.

È la convinzione del deputato nazionale del Pdl Nino Minardo (foto), che promuoverà nei prossimi giorni una serie serrata di incontri per creare, come accennato, un "movimento di pensiero" che inizierà il suo percorso dal basso, mirando a dare risposte concrete alle domande ed ai bisogni più urgenti della comunità. Obiettivo ultimo, dunque, quello di rifondare, attraverso una sorta di autorigenerazione, i partiti politici quali «presidi di democrazia e non, come sono diventati invece oggi, luoghi avulsi dalla realtà quotidiana».

L´on. Nino Minardo rimarca che non si tratta di un nuovo movimento, né di una fuga in avanti, né tantomeno, di delegittimare il proprio passato: «È il momento – sottolinea – di una serena, ma severa autocritica che ridia credibilità alla politica ed al nostro ruolo. Chi non è orgoglioso del proprio passato, non può aspirare ad futuro. I partiti, come sono adesso, hanno bisogno di fare un bagno di umiltà, di diventare punti di riferimento per i cittadini, mentre la "Politica" affronta i problemi veri: la mancanza di lavoro, i dubbi del presente e l´incertezza del futuro. Oggi bisogna metterci la faccia ed ascoltare. E subito dopo dare le risposte!».

Giorgio Antonelli - Gazzetta del Sud