Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 394
RAGUSA - 13/05/2012
Politica - La vicenda del consigliere comunale allontanato dal sindaco durante una riunione

Arestia "cacciato" da Dipasquale, Pd solidarizza

Il partito taccia il primo cittadino di arroganza e prepotenza

«Arroganza e prepotenza. E’ la natura degli atteggiamenti di Nello Dipasquale che, purtroppo, noi del Pd di Ragusa conosciamo bene. Gli atteggiamenti di un sindaco che non è affatto propenso al dialogo e al confronto ma che, anzi, da qualche tempo a questa parte, ancora con maggiore intensità che in passato, sembra avere peggiorato tale aspetto caratteriale sino a rendersi protagonista di atti spiacevoli di intolleranza come quello consumatosi l’altro giorno in danno al consigliere comunale Giuseppe Arestia». E’ il contenuto di una nota del Pd di Ragusa che esprime piena solidarietà nei confronti dell’esponente autonomista che, durante la riunione con gli allevatori, tenutasi in sala Giunta, è stato allontanato in malo modo dal primo cittadino.

Dipasquale aveva esortato Arestia ad ad andarese, in quanto non invitato alla riunione convocata dallo stesso sindaco con le associazioni di categoria per discutere del prezzo del latte. Proprio sull´argomento Arestia voleva dire la sua.

«Sono comportamenti che denotano un nervosismo di fondo – prosegue la nota del Pd – e che comunque nulla aggiungono al personaggio politico Dipasquale di cui già sappiamo e che, però, anche a causa di turbamenti partitici degli ultimi tempi, sembra essere diventato meno equilibrato del solito. Manifestiamo la nostra convinta preoccupazione per quello che continuamente accade a palazzo dell’Aquila dove il confronto politico non è affatto sereno ma anzi si è trasformato in un fatto personale che, ovviamente, non garantisce la crescita della cultura del dialogo finendo per imbarbarire la stessa più del lecito».


vergogna!
14/05/2012 | 14.08.47
pensionata

...e poi ci lamentiamo che i ragazzi, i giovani sono aggressivi? Hanno come esempio adulti, che sono molto in vista, che litigano al consiglio comunale, alla camera dei deputati, al senato... Quello che seminiamo raccogliamo...