Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 328
RAGUSA - 08/05/2012
Politica - Amministrative 2012: il risultato è stato definito solo all’ultima scheda

Provincia iblea: la tensione è corsa sull´urna in 3 comuni

Chi ha vinto e perso in provincia? Il Pd recupera ma non sfonda, Mpa si difende ed il Pdl naufraga un po’ dappertutto

La tensione è corsa sull’urna. In ben tre dei sei comuni della provincia il risultato è stato definito solo all’ultima scheda. E’ successo a Franco Susino a Scicli che ha visto riapparire il fantasma di cinque anni fa. Allora non arrivò al ballottaggio per un voto, quest’anno gli sono mancate una decina di voti per diventare sindaco a prima botta. Dovrà correre ora contro Armando Cannata con tutti i rischi di un ballottaggio.

E’ andata ancora peggio a Giovanni Barone a S. Croce che ad una sezione da scrutinare aveva la vittoria in tasca ed invece anche qui il sorpasso di Franca Iurato che ha prevalso di tre schede. E lo stesso, seppur con modalità diverse è successo a Monterosso dove Paolo Buscema l’ha spuntata sul filo di lana. L’unica situazione chiara e netta a Giarratana ed in buona parte a Chiaramonte dove l’ha spuntata il terzo incomodo. A Pozzallo prevalgono i due Ammatuna sulla delusione Monte. E’ il trionfo della democrazia che afferma il valore del voto e questa è la certezza di questa tornata elettorale.

Chi ha vinto e perso in provincia? Il Pd recupera ma non sfonda, Mpa si difende ed il Pdl naufraga un po’ dappertutto. Vincono certamente i movimenti spontanei e locali che hanno proposto facce nuove. E’ il caso di Chiaramonte da un lato e di Scicli dove il cavallo di ritorno Padua è stato clamorosamente azzoppato e dove un politico di carriera come Monte a Pozzallo non ha sfondato, anzi. Ora i ballottaggi ma questa sarà un’altra storia