Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 807
RAGUSA - 03/04/2012
Politica - Consiglieri ed amministratori pagheranno di tasca propria le spese del ricorso

Antoci ricorre al Tar: "Non vogliamo il commissariamento della Provincia"

La difesa è stata affidato al dirigente del settore Avvocatura dell’ente, Salvatore Mezzasalma, che sarà affiancato dal costituzionalista Agatino Cariola
Foto CorrierediRagusa.it

Amministratori e consiglieri provinciali non demordono. Non accettano la decisione del governo regionale di commissariare l’ente di Viale del Fante e vogliono giocarsi l’ultima carta.

Non hanno esitato neppure a mettere la mano in tasca per finanziare il ricorso al Tar di Catania contro il decreto dell’assessore regionale alle Autonomie locali che ha sospeso l’indizione dei comizi elettorali. Un provvedimento che di fatto porterà da metà maggio, ovvero dalla scadenza naturale del consiglio, al commissariamento dell’ente.

Il presidente della provincia Franco Antoci (nella foto) ha avuto così mandato da assessori e consiglieri di costituirsi davanti al Tribunale amministrativo. La difesa è stata affidato al dirigente del settore Avvocatura dell’ente, Salvatore Mezzasalma, che sarà affiancata dal costituzionalista Agatino Cariola. La decisione di ricorrere al Tar contro la revoca del decreto di indizione dei comizi elettorali fa seguito alla mozione votata sabato scorso dal consiglio provinciale che chiedeva al presidente della Provincia di assumere tutte le iniziative possibili, compreso quello giurisdizionale, per difendere l’autonomia della Provincia e il diritto dei cittadini ragusani ad essere amministrati da organi democraticamente eletti.

«La scelta di fare ricorso al Tar – dice il presidente Franco Antoci - nasce da una scelta condivisa dal Consiglio provinciale e anche in sede nazionale dall’Upi con le altre Province in scadenza a maggio e destinate, secondo quanto stabilito dall’art 23 del Decreto «Salva l’Italia», al commissariamento. La decisione – sostiene il presidente Antoci - è un atto dovuto in difesa dei diritti dei cittadini e della Carta Costituzionale.

La Costituzione prevede la presenza delle Province come livello intermedio tra Regioni e Comuni attribuendole specifiche funzioni di area vasta e il decreto in questione viola palesemente due principi: quello relativo al profilo costituzionale e quello legato al diritto di voto dei cittadini che con il commissariamento – conclude Antoci – si vedono privati di tale esercizio democratico».


Il marziano
06/04/2012 | 23.43.20
Ajk77321&()

"Giusto, basta con questo qualunquismo! Cos´e´ questa storia che una provincia dovrebbe avere strade percorribili e sicure, spiagge pulite, scuole agibili, spazzatura rimossa e discariche abusive chiuse, cementificazione bloccata, riserve naturali prot*****e, uffici pubblici non raddoppiati? E cos´e´ questa fantasia che le province servano per sistemare politicanti? Siete proprio qualunquisti!"
Ha proprio ragione, a Marte è proprio così...


sarcasmo inutile
06/04/2012 | 15.38.59
quello che non generalizza e conosce

Ti ricordo che per fare al meglio tutto quello che tu hai sommariamente elencato, e che in parte la provincia già fa, ci vogliono finanziamenti adeguati. I finanziamenti provengono dagli introiti delle tasse. Le tasse in Italia le pagano solamente chi è costretto a farlo (lavoratori dipendenti e pensionati) e quei pochi "stupidi" che pur avendo la possibilità di evaderle invece le pagano.
La verità è che ha preso piede nell´opinione pubblica questa ossessione immotivata nei confronti dell´ente Provincia. La corruzione e il parassitismo sono presenti nelle provincia nella stessa misura in cui sono presenti negli altri enti, e nella stessa misura in cui è presente il reato dell´evasione nel mondo del lavoro privato.


Qualunquismo!
06/04/2012 | 10.12.51
Marco

Giusto, basta con questo qualunquismo! Cos´e´ questa storia che una provincia dovrebbe avere strade percorribili e sicure, spiagge pulite, scuole agibili, spazzatura rimossa e discariche abusive chiuse, cementificazione bloccata, riserve naturali prot*****e, uffici pubblici non raddoppiati? E cos´e´ questa fantasia che le province servano per sistemare politicanti? Siete proprio qualunquisti!


PUNTEGGIO
05/04/2012 | 21.48.14
arbitro

´Qualunquisti/incompetenti/ipocriti´ battono ´grand´uomo che si sforza di non essere come loro´ 12 a 1.


qualunquisti, incompetentii e ipocriti
05/04/2012 | 18.36.47
Uno che si sforza di NON essere come quelli del titolo

scusate l´errore del titolo di prima