Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 467
RAGUSA - 27/01/2012
Politica - Duro documento di Pd ed Idv e Movimento Città sulla seduta del consiglio

Maggioranza in fuga, Dipasquale osserva inerte

Consiglieri Pdl ed Udc sono usciti dall’aula al momento del voto
Foto CorrierediRagusa.it

Prima la variante al Prg, poi la mancata elezione del presidente della commissione Finanze. Due indicatori di malessere nell´ambito del centro destra che hanno messo in evidenza i rapporti non idilliaci , polticamente parlando, tra il sindaco Nello Dipasquale ed il suo "Territorio" con Pdl ed Udc. L´ultima seduta del consiglio ha dato conferma ai gruppi di opposizioine, Pd, Idv e Movimento Città, che qualcosa non va. Lo dicono senza mezze misure in un documento.

«Se due episodi costituiscono un indizio, tre rappresentano una prova. Per la terza volta in quattro giorni, la maggioranza che sostiene il sindaco ha toppato. Stavolta, il centrodestra non è riuscito a garantire il numero legale in aula per far votare il regolamento sul verde pubblico. E’ venuto a mancare l’apporto, ancora una volta, di tutti i consiglieri dell’Udc. E tutto ciò si è consumato sotto gli occhi di un sindaco, reduce da circa venti giorni di assenza dalla scena politica, che certo non ha gradito. Purtroppo le parole, che ostentavano sicurezza, riferite da alcune esponenti della maggioranza in questi ultimi giorni, dopo le nostre denunce, si sono volatilizzate al vento e scontrate con i fatti. E i fatti parlano di un momento difficile per la città di Ragusa che avrebbe bisogno di una maggioranza coesa e compatta. Condizioni che non sussistono».

Pd, Idv e movimento Città aggiungono: «Non siamo di certo dinanzi alla maggioranza della scorsa consiliatura. Ci troviamo, invece, di fronte ad un gruppo poco coeso che è sempre più paragonabile ad un cartello elettorale sfilacciato con il passare dei giorni. Il dato che notiamo è la distanza politica sempre più crescente tra i partiti di maggioranza (Pdl, Udc e adesso, a quanto pare, anche il Pid) e i consiglieri delle due liste civiche diretta espressione del sindaco. Chiediamo al sindaco di presentarsi in aula per relazionare sullo stato di salute della sua maggioranza politica. Sono opportune le necessarie garanzie di governo della città».

(nella foto: il capogruppo Pd Peppe Calabrese)