Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1352
RAGUSA - 10/02/2008
Politica - Ragusa - Giuseppe Di Natale ha disertato il congresso

Giovanni Iacono leader per acclamazione di Italia dei Valori

Cristina Pelligra segretaria cittadina. Garanti dei lavori il sen. Giambrone e il commissario Domenico Scilipoti Foto Corrierediragusa.it

Terremoto ai vertici di Italia dei valori. Giovanni Iacono succede a Giuseppe Di Natale alla segreteria provinciale e Cristina Pelligra prende il posto di Santo La Terra alla segreteria cittadina. Una scossa tellurica forte che dovrebbe garantire stabilità dirigenziale e assestamento politico dopo i movimenti sussultori e ondulatori durati qualche mese e che hanno avuto l’epicentro nella storia dei Peep.

E’ successo tutto nel corso dei lavori congressuali (nella foto) che si sono celebrati nei locali del «Centro Feliciano Rossitto», alla presenza di centinaia fra delegati e iscritti provenienti dai circoli territoriali di Ragusa, Modica, Vittoria, Scicli e Santa Croce Camerina. Mancava solo Acate, la città dell’ex segretario provinciale Giuseppe Di Natale. Qualche addetto ai lavori sostiene che non ci fosse neanche un iscritto.

Le elezioni di Giovanni Iacono e di Cristina Pelligra si sono svolte per acclamazione. Altro che guerra e spaccature! I congressisti, all’unanimità, hanno deciso di unificare le mozioni e di presentarne una sola sia per il congresso cittadino che provinciale. Nessuna spaccatura, dunque, come qualcuno voleva a tutti i costi, ma due congressi validi e legittimati dalla presenza del commissario regionale Domenico Scilipoti e dal senatore Fabio Giambrone. Mancava solo Leoluca Orlando, dirottato a Roma per un vertice con Walter Veltroni, sicuramente prioritario rispetto ai congressi celebrati a Ragusa.

Esce di scena Giuseppe Di Natale, consigliere per le infrastrutture del ministro Antonio Di Pietro, che in questa bagarre precongressuale non ha avuto il tempo (o forse voluto) di spendere una parola per dare qualche indirizzo saggio per dirimere la querelle fra Iacono e Di Natale. Da qui il silenzio assenso? A Di Natale, che aveva promesso battaglia prima, durante e dopo i congressi, subentra Giovanni Iacono, ora di diritto nel direttivo regionale.

Anche i circoli più fedeli a Di Natale, fra questi certamente Vittoria, si sono allineati al nuovo corso partecipando al congresso e sostenendo la mozione che ha voluto Iacono nuovo segretario del partito. Questi gli eletti nell’esecutivo provinciale: coordinatore, Giovanni Iacono, vice Claudio La Pegna, Pietro Savà. Portavoce, Chiara Davola. Tesoriere Maria Giovanna Bentivoglio. Consiglieri: Bernadette Alfieri, Fabio Antoci, Daniele Alecci, Venerando Cintolo, Gaetano Criscenti, Giuseppe Malignaggi, Luigi Martorana, Renzo Raniolo.