Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1163
RAGUSA - 17/12/2011
Politica - La firma dell’assessore regionale al Territorio dei piani di recupero

Cintolo a Dipasquale: «Ha fatto morire centro storico»

Il coordinatore cittadino di Italia dei valori polemizza con sindaco di Ragusa a proposito di piani di recupero e Peep
Foto CorrierediRagusa.it

L’Assessore Regionale al Territorio ha firmato il decreto di approvazione dei piani di recupero. I cittadini ragusani che attendevano questo atto da tempo immemorabile e che, certamente, rappresenta una buona opportunità per movimentare il settore dell´edilizia e fornire una boccata di ossigeno all´economia ragusana, sono soddisfatti. La riflessione è di Venerando Cintolo (foto), coordinatore cittadino di Italia dei valori. Cintolo non perde l’occasione di rinfrescare al sindaco Nello Dipasquale come stanno le cose riguardo ai piani di recupero.

«Com´è logico- scrive Cintolo- il sindaco Dipasquale si è intestato il merito dell´atto per aver portato i Piani in Consiglio Comunale, poi approvati dalla Regione, sostenendo di avere svolto, lui e la sua amministrazione, un ottimo lavoro. Dissentiamo da questo ottimismo. L´ottimo lavoro cui lei fa riferimento sarebbe stato veramente tale solo se, sei anni fa, fra i primi atti della sua amministrazione, lei si fosse interessato dei Piani di recupero che da troppo tempo richiedevano attenzione, consentendo ai cittadini proprietari di lotti interclusi di poter costruire la propria casa a tempo debito e a costi sensibilmente molto più contenuti di quelli odierni. Il sindaco invece, con la sua ormai nota e consueta «attenzione» verso gli interessi, pur legittimi, di imprese private (ricordiamo tutti il volgare sventolio di assegni in Consiglio comunale) ha lavorato con sospetto grande fervore ed interesse, affinché rapidamente venisse approvata l´edificazione delle aree PEEP, di cui Ragusa poteva tranquillamente fare a meno».

Venerando Cintolo rimprovera al sindaco di essersi disinteressato del centro storico della città. «Ciò ha provocato- dice Cintolo- notevoli danni economici ai cittadini ragusani proprietari di case che oggi vedono il valore dei propri immobili più che dimezzato rispetto a sei anni fa, visto il degrado cui i quartieri sono stati condannati; basta fare un giro nelle stradine di quello che fino a poco tempo fa era il cuore pulsante della città per rendersene conto! Favorendo con sospetta testardaggine l´edificazione delle aree PEEP, ha svuotato colpevolmente il centro storico di Ragusa superiore della sua «ragusanità»! A motivo di ciò, anche i tanti negozi e botteghe artigianali che insistevano nel Centro storico, sono stati costretti a chiudere e dismettere la loro attività!