Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 771
RAGUSA - 24/10/2011
Politica - A Scicli il sindaco Venticinque azzererà la giunta, appello a Forza del Sud

Alle prossime amministrative il centro destra prova a mettere insieme le forze

Pdl, Fli,Pid e Udc hanno parlato solo di programmi ed hanno rinviato la discussione sugli uomini
Foto CorrierediRagusa.it

Lavori in corso per una grande alleanza. Le elezioni per il rinnovo dell’amministrazione provinciale restano in forte dubbio come previsto dal disegno di legge Lombardo che vuole prorogare l’attuale amministrazione in vista della dissoluzione delle province dal giugno 2013, ma i partiti pensano comunque avanti e non vogliono farsi trovare impreparati.

Meno che mai il Pdl che sente su di sé la responsabilità di coagulare le forze del centro destra sotto un unico tetto. Innocenzo Leontini e Nino Minardo, coordinatori Pdl, vogliono evitare altre diaspore dopo la fuga in avanti di Forza del Sud, che ha deciso di andare per la propria strada ed ha rimproverato il Pdl di essere diviso e confuso sul da farsi. La risposta di Leontini e Minardo non si è fatta attendere perché i due coordinatori si sono incontrati con Pid, Udc e Fli per costruire un’alleanza vasta che coaguli le forze della destra. I quattro partiti governano in varie amministrazioni, alla provincia, al comune capoluogo, a Scicli, ad Ispica, e non vogliono farsi scappare l’opportunità di confermare la loro presenza come classe dirigente. Udc, Fli, Pid e Pdl si sono insomma guardati in faccia ed hanno deciso di non disperdere il patrimonio che hanno costruito in questi anni e che, pur rappresentando un’anomalia rispetto al quadro nazionale, dove Udc e Fli sono all’opposizione, ci sono le condizioni per andare avanti.

Naturalmente non si è parlato né di nomi né di luoghi anzi Nino Minardo si è affrettato a dire: «Prima i programmi e le intese, poi parleremo di uomini». C’è naturalmente Forza del Sud da recuperare e far tornare all’ovile ed il ramoscello di ulivo è stato teso grazie all’invito a partecipare al prossimo incontro che è stato fissato per sabato prossimo. La lunga marcia verso le elezioni è già cominciata.


I coordinatori hanno anche affrontato la questione Scicli dove da oltre un mese Giovanni Venticinque lavora con una giunta monca dopo le dimissioni di Pietro Sparacino, Udc. Il sindaco di Scicli ha promesso che azzererà la giunta entro un paio di giorni e ripartirà a bocce forme con uomini nuovi. Un atto di non belligeranza nei confronti degli alleati, in particolare l’Udc di Orazio Ragusa, che voleva ad ogni costo Franca Carraba, proprio per ricreare il clima di unità tanto ricercato. Se durerà è tutta un’altra questione.

(nella foto: i partecipanti alla riunione tenuta a Modica)


INCREDIBILE!
26/10/2011 | 10.57.19
ARISTARK

C´è persino chi si preoccupa degli schieramenti e di quello che fa o non fa il consigliere regionale Ragusa! Il nostro destino è nelle sagge mani di costoro...
Propongo la disobbedienza civile di massa e un astensionismo generale per dimostrare quello che pensiamo tutti delle costose, inutili province e dei loro piccoli, inutili cacicchi a caccia di prebende.


C´è chi spera ancora
25/10/2011 | 10.35.27
ettore

La cosa carina è che parecchi dell´altro schieramento sono ancora convinti che l´on Ragusa alla fine della fiera farà squadra col centro sinistra. Dimenticano, costoro, che egli è un grande e fedele amico di Totò Cuffaro prima che di Casini


PROVINCIE = Stipendificio per Politici
25/10/2011 | 10.35.10
giorgio

La Provincia è un Ente inutile a che cosa serve?
A niente solo a mantenere gli stipendi ai vari politici di turno Assessori, Consiglieri, presidenti etc. etc. e serve a sperperare i soldi in contributi di sagre paesane e feste di quartiere, soldi dei contribuenti che potrebbero essere spesi per migliorare le strade e l’ambiente che ci circonda, invece, purtroppo vengono buttati in maniera insensata.
Il territorio è già sotto il controllo dei confini dei vari Comuni.
Se le Provincie verranno soppresse i cittadini risparmierebbero circa 10-12 miliardi di euro (fonte l’ESPRESSO del giugno u.s.)
CORDIALI SALUTI A TUTTI.


I PROGRAMMI!?
24/10/2011 | 21.07.47
ARISTARK

Ci potete contare che dei ´programmi´ (!?) non gliene frega a nessuno, anche perché le funzioni delle province sono in primo luogo sperperare contributi clientelari, sagre del cavolo fritto e viaggi a-gratis e soprattutto pagare gettoni di presenza e indennità varie ai ´politici´ (se così possono definirsi). Senza contare che è ormai certificato ufficialmente che le province sono INUTILI e dannose. Dunque chi va a votare fa la figura del servo sciocco che si fa scippare soldi sudati per fare la bella vita a qualcuno, e basta! Statevene a casa e dimostrate che non ci fregano più, almeno col nostro consenso!