Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 488
RAGUSA - 09/10/2011
Politica - L’amministrazione deve pagare 992mila euro per l’esproprio dell’ex cinema Marino

Debiti fuori bilancio: per il Pd la delibera è illegittima

Per il segretario cittadino del Pd Peppe Calabrese non si possono utilizzare i fondi della legge su Ibla

Bisogna pagare l’esproprio dell’ex cinema Marino ed il sindaco Dipasquale pensa ai fondi della legge su Ibla. Il Pd ritiene che l’operazione sia illegittima e richiama il sindaco alle sue responsabilità. Si accende il dibattito sulla delibera sui debiti fuori bilancio che la giunta presenterà in consiglio comunale per l’approvazione nella seduta di mercoledì.

Il debito ammonta a un milione 760 mila euro che l’amministrazione conta di coprire con 837 mila euro con avanzo di amministrazione e per i restanti 992 mila, utili a pagare l’esproprio dell’ex cinema con le somme stanziate per la realizzazione della circonvallazione di Ibla. Il segretario cittadino del Pd, Peppe Calabrese ha sollevato in proposito ben tre vizi di illegittimità: «I debiti fuori bilancio vanno coperti con l´avanzo di amministrazione ed in questo caso, oltre agli 837 milioni, vi è un´ulteriore somma di poco più di un milione; in subordine, per coprire i debiti, si procede accendendo un mutuo. In secondo luogo, le variazioni al Piano di spesa della legge su Ibla vanno deliberate dal consiglio comunale e ciò doveva avvenire anche per la recente riduzione del 5% dei finanziamenti alle opere inserite nel programma. In terzo luogo, stornando la somma per il teatro, si supera il limite del 20% destinato a Ragusa superiore.

Tutte previsioni di legge che, a nostro avviso, non sono state ben ponderate anche da chi ha apposto i visti di legittimità. Avevamo detto a tempo debito che per il teatro della Concordia quest´amministrazione avrebbe generato un debito fuori bilancio, ma ciò che ci fa più male è il fatto che si continua a bypassare il consiglio ed a mortificarlo. E se per pagare i debiti fuori bilancio si attinge ai fondi della legge su Ibla, vuol dire che siamo davvero alla frutta. Senza considerare che nel 2012 l´Ars, che dovrà rifinanziare la legge, potrà "rinfacciarci" tale scelta politica».