Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 256
RAGUSA - 25/09/2011
Politica - Cominciate le manovre per la successione di Franco Antoci a Viale del Fante

Fed e Idv insieme per la Provincia, Terzo Polo da fare

Dibattito aperto nel Pdl dopo la sortita di Nello Dipasquale, ma l’attuale presidente che farà da grande?
Foto CorrierediRagusa.it

Non si sa ancora se l’ente provincia resterà nelle forma e nella sostanza così come è oggi, ma i partiti cominciano a prepararsi per le elezioni di primavera. Visto che alle intenzioni spesso non seguono provvedimenti consequenziali i partiti pensano bene di non farsi trovare impreparati perchè la Provincia è luogo di potere ed è bene che sia presidiato da presidenti, assessori e consiglieri provinciali in barba a tutte le ipotesi di riduzione dei costi della politica, per i quali c’è sempre tempo. Il mandato di Franco Antoci è in scadenza e le riunioni preparatorie da destra a sinistra si susseguono.

Nel centro destra si parla di alleanze, al centro di Terzo polo e a sinistra del patto tra Fed, IdV e Socialismo 2000. Giovanni Iacono, Marco Di Martino e Concetto Scivoletto sono per stringere un patto a sinistra dopo aver preso atto che nel Pd, almeno a livello regionale, si vuole costituire l’alleanza con il Terzo polo sul modello palermitano. Fed e IdV ne hanno preso atto e vogliono presentarsi alternativi rispetto a questo scenario proponendo un loro candidato per Viale del Fante anche se ancora, naturalmente, tutto è in alto mare. Fli dal suo canto, con Enzo Pelligra, preme perché si faccia chiarezza e si dica chi vuole stare insieme nel Terzo Polo.

Dice Pelligra: «Mancano pochi mesi alle provinciali e nessun quadro organico di alleanze è stato ancora definito. Bisogna sedersi attorno ad un tavolo e cominciare a parlare. E ad otto mesi dalle elezioni è chiaro che non si può perdere tempo». Nel centro destra è tutto fermo e si guarda all’evoluzione della diatriba interna tra il «Territorio» di Nello Dipasquale ed il Pdl. Tutto da vedere se l’Udc provinciale vuole seguire il Pdl o schierarsi con il Terzo Polo. Orazio Ragusa e Franco Antoci hanno idee diverse e non si capisce ancora quale ruolo l’attuale presidente della Provincia vuole ritagliarsi in futuro perché è escluso che, nonostante l’età anagrafica e la ultradecennale militanza politica, voglia tirarsi indietro.


L´orchestra continua a suonare sul Titanic...
25/09/2011 | 18.41.37
ARISTARK

Questi qui hanno capito che l´abolizione delle province è solo un´ammuina e si schiacciano l´occhio, pronti ad affilare i dentini: tutti inutili, tutti uguali, tutti pronti a incassare (e voi a pagare le loro mancette).
Spero soltanto che alle prossime elezioni provinciali vadano a votare solo i parenti stretti dei commensali! Mi dica una sola ragione seria per farlo, se ci riuscite.