Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 26 Maggio 2018 - Aggiornato alle 11:48
RAGUSA - 19/08/2011
Politica - L’invito del coordinatore cittadino Pdl Fabrizio Ilardo in una nota

Minardo e Dipasquale: "Basta litigi e lavorate per la città"

Anche i consiglieri comunali Monica Virgadavola, Giorgio Mirabella e Maurizio Tumino si sono associati all’appello di Ilardo

Mentre si consuma un sorta di guerriglia a distanza tra il deputato nazionale del Pdl Nino Minardo e il sindaco di Ragusa Nello Dipasquale, c’è chi invoca pace e unità all’interno del Pdl a Ragusa.

Lo fa il coordinatore cittadino Fabrizio Ilardo in una nota, sostenuto dai consiglieri comunali Monica Virgadavola, Giorgio Mirabella e Maurizio Tumino. «Basta polemiche e lavoriamo per il bene della città», scrive Ilardo, in riferimento ai tagli agli enti locali stabiliti con la manovra finanziaria approvata dal governo. Proprio su questo punto si era imbastita una piccola polemica tra Minardo e Dipasquale, con quest’ultimo che aveva inviato una nota formale al parlamentare per sottolineare questo stato di cose. Una nota che, nei toni, non era affatto piaciuta a Minardo. Diapsquale, d’altronde, è da un po’ di tempo che si trova in rotta di collisione non solo con Minardo, ma anche con l’altro coordinatore provinciale del Pdl Innocenzo Leontini.

Voci non confermate, ma neanche smentite, vorrebbero una prossima fuoriuscita dal Pdl di Dipasquale, che potrebbe approdare in Mpa. Nul-a di confermato, ma al momento gli attriti restano, con Ilardo che, nei panni del pompiere, cerca di spegnere questi fuochi estivi spronando tutti ad un lavoro sinergico per il bene di Ragusa. Ma proprio la poltrona di sindaco del comune capoluogo pare stia sempre più stretta a Dipasquale, che ambirebbe, a quanto pare, ad un posto di deputato regionale all’Ars, punto sul quale il Pdl non è esattamente d’accordo.