Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 1046
RAGUSA - 19/05/2011
Politica - A Ragusa la visita del ministro per le Politiche agricole

Saverio Romano al capezzale dell’agricoltura iblea in crisi

Visita lampo per sorreggere i due candidati Nello Dipasquale e Carmelo Incardona e per rendersi conto delle difficoltà in cui si trova l’agricoltura ragusana. "L’agricoltura del Meridione ha bisogno di infrastrutture"
Foto CorrierediRagusa.it

Quando il ministro arriva, con un’ora e mezza di ritardo, molta gente è andata a pranzare a casa, e quando gli danno la parola più o meno alle 14, dopo che ha ascoltato una montagna di problemi che attanagliano l’agricoltura (che avrebbe potuto esporre un solo rappresentante sindacale per tutti), tant’altra gente era già andata via alla spicciolata. Piccole defaillance d’organizzazione. Non capita sempre avere un ministro a disposizione!

Saverio Romano (foto), ministro per le Politiche agricole del governo Berlusconi è tornato nella sua Sicilia per spingere il Pid, nuova creatura politica, e per incoraggiare l’elettorato che il 29 e 30 maggio dovrà votare Nello Dipasquale. La triplice, Coldiretti, Cia e Confagricoltura, il sindaco Nello Dipasquale e il vice Giovanni Cosentini gli hanno letto in faccia e presentato un pacchetto di proposte che il ministro Romano dovrà valutare e studiare attentamente al suo rientro in via XX Settembre.

Di una cosa Romano è certo. Che le «peculiarità dell’agricoltura siciliana sono diverse da quelle della pianura padana. Qui la prima battaglia da fare è quella per le infrastrutture. Senza queste siamo fuori dalla competizione europea». Sante parole che si spera si concretizzino in fatti.

Ma le colpe non vengono tutte dal Nord. Romano carica sulle responsabilità della Regione siciliana e affonda il colpo contro il Pd che «non ha il coraggio di staccare la spina al governo Lombardo per difendere la poltrona del potere».

La giornata ragusana del ministro Romano s’è conclusa nella vicina Vittoria, dove con l’altro candidato del centrodestra Carmelo Incardona ha visitato pezzi del mercato ortofrutticolo e l’economia imprenditoriale della città ipparina, zona ad alta vocazione agricola che oggi soffre una crisi strutturale e senza precedenti.