Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 926
RAGUSA - 09/04/2011
Politica - Ragusa: tutti presenti alla presentazione del candidato del centro sinistra

Festa popolare per Guastella: "Ragusa senza clientelismi"

In prima fila anche Gianni Battaglia ed i parlamentari Di Giacomo ed Ammatuna
Foto CorrierediRagusa.it

E’ stata festa in tutti sensi; candidati, famiglie bambini, bandiere ed entusiasmo palpabile alla presentazione del candidato del centro sinistra Sergio Guastella (nella foto al centro accanto a Giuseppe Calabrese). C’erano tutti gli esponenti dei partiti che sostengono Guastella, Pd, Idv, Sel, Fed Unione Consumatori, Donne per Ragusa e Movimento Città, che si sono ritrovati e si sono ripromessi di dare battaglia a Nello Dipasquale. Oltre un migliaio i presenti, con Pippo Di Giacomo e Roberto Ammatuna e Gianni Battaglia in prima fila, che hanno salutato con lunghi applausi la presentazione del programma da parte di Guastella. «Vogliamo una città normale – ha esordito Gianni Iacono, Idv- a misura d´uomo in un confronto civile per tornare ad essere una comunità. Non vogliamo fare promesse, ma ascoltare i bisogni dei cittadini».

Per il segretario Pd Giuseppe Calabrese la convention è stata emozionante : «Dal 2003 non vedevo un centrosinistra così compatto; Vogliano una Ragusa libera dagli atteggiamenti clientelari del sindaco Dipasquale..

Il candidato a sindaco del centrosinistra non ha mancato di lanciare strali al sindaco uscente: «Qualcuno nel centrodestra giocando con il mio cognome ha detto che questa è una coalizione guasta. Non è vero, forse siamo partiti Lentini, ma oggi siamo una coalizione forte, coesa e soprattutto caratterizzata da un grande cuore. E intendiamo realizzare un programma di merito e di fatti per servire la città. Punto a governare senza favoritismi o clientelismi. Non ci saranno discriminati o distinzioni.