Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 704
RAGUSA - 05/04/2011
Politica - Ragusa: la Giunta provinciale approva lo strumento finanziario di previsione 2011

Il bilancio prevede entrate e spese per 230 milioni di euro

Antoci e Di Giacomo: «E’ un bilancio rigoroso ma mantiene i servizi essenziali»

La giunta provinciale, presieduta dal presidente Franco Antoci ha approvato lo schema del bilancio di previsione per l’anno 2011. Il bilancio prevede entrate e spese per 227 milioni e 714 mila di euro, di cui 36 milioni e 900 mila euro di spese correnti e 176 milioni di euro di spese per investimenti da finanziarsi col ricorso al credito e col reperimento di finanziamenti comunitari e/o specifici di Stato e Regione. Lo strumento finanziario varato dalla Giunta provinciale, su proposta dell’assessore al Bilancio Giovanni Di Giacomo, rispetta in pieno gli indici del patto di stabilità e le altre norme per il contenimento delle spese non obbligatorie ed è stato predisposto senza alcuna previsione di avanzo di amministrazione presunto.

Il bilancio è stato predisposto per assicurare non solo i servizi previsti per legge come l’assistenza igienico-sanitaria degli studenti degli istituti medi superiori ma anche la manutenzione degli istituti scolastici, della pubblica illuminazione nonché l’impegno finanziario per i corsi universitari. Un bilancio improntato alla politica del contenimento della spesa, in considerazione che vi è stato un trasferimento in meno dello Stato di 2,7 milioni di euro.

«Il bilancio che la Giunta oggi ha approvato - affermano il presidente Antoci e l’assessore al Bilancio Giovanni Di Giacomo –è rigoroso perché deve fare i conti con le ristrettezze finanziarie in cui si dibattono gli Enti Locali, oltre a non disporre di alcun avanzo di amministrazione ma tiene conto del mantenimento dei servizi essenziali».