Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 976
RAGUSA - 20/02/2011
Politica - Ragusa: ultimi nodi da sciogliere entro la serata

Guastella è l´anti-Dipasquale? IdV deve decidere

Dal coordinatore cittadino dell’Idv, Venerando Cintolo, arriva intanto una precisazione: "Nel corso della nostra assemblea di venerdì, parlando a titolo personale, ho fatto appello al senso di responsabilità ed alla conseguente necessità di non rompere la coalizione di centrosinistra"
Foto CorrierediRagusa.it

Italia dei valori concluderà soltanto oggi la consultazione della base sui criteri con i quali pervenire alla scelta del candidato a sindaco del centrosinistra. Solo nel pomeriggio si conoscerà quindi l´orientamento dei dipietristi. In particolare, si dovrà decidere se affidare alle primarie dell´intera coalizione la decisione di scegliere il candidato o se la proposta formulata dal Pd, relativa a Sergio Guastella (nella foto) sia condivisibile.

Italia dei valori, in un primo momento, aveva offerto alla coalizione la candidatura del vice coordinatore regionale Gianni Iacono che, in caso di primarie di coalizione, entrerebbe in lizza, oltre che con Sergio Guastella (Pd), anche con Aurelio Mezzasalma (Sel). La soluzione Guastella potrebbe, però, alla fine ottenere il consenso di tutti, evitando al centrosinistra l´ulteriore passaggio popolare per le primarie.

LA PRECISAZIONE DI VENERANDO CINTOLO
Dal coordinatore cittadino dell´Idv, Venerando Cintolo, arriva intanto una precisazione: «Nel corso della nostra assemblea di venerdì, parlando a titolo personale, ho fatto appello al senso di responsabilità ed alla conseguente necessità di non rompere la coalizione di centrosinistra, per liberare la città dal sindaco uscente Nello Dipasquale. Beninteso, il sottoscritto non si è mai piegato ai voleri di nessuno, men che meno del Pd che non può, nè potrà dettare legge a chicchessia». (Ha collaborato Giorgio Antonelli)