Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 486
RAGUSA - 13/02/2011
Politica - Ragusa: la giornata di ieri si è conclusa con un incontro in Prefettura

"Se non ora, quando"? Grande presenza delle donne iblee

Soddisfatte le promotrici che hanno contato fino a 300 firme ma soprattutto la voglia di stare insieme e di condividere i valori della solidarietà, del lavoro, della dignità della donna
Foto CorrierediRagusa.it

Le donne della provincia sono scese in piazza. Come è successo a Palermo e Catania dove si è registrata una massiccia presenza, la mobilitazione e la presa di coscienza è stata palpabile, allegra ma anche preoccupata pur se nei centri iblei non ci sono stati cortei.

Ad Ispica, Pozzallo e Chiaramonte le donne, accompagnate in buon numero da compagni e mariti, hanno voluto testimoniare la loro adesione alla campagna «Se non ora quando»?, indetta per condannare i comportamenti pubblici e privati del premier Silvio Berlusconi. In piazza Matteotti a Modica presenze in gran numero e raccolta di firme fino alle 13. Numerosi gli striscioni ed i cartelloni dove chi ha voluto ha lasciato dei messaggi.

Soddisfatte le promotrici che hanno contato fino a 300 firme ma soprattutto la voglia di stare insieme e di condividere i valori della solidarietà, del lavoro, della dignità della donna. Il clou della giornata a Ragusa dove donne giovani e meno giovani si sono date appuntamento in gran numero dinanzia alla sede della Prefettua. Striscioni, manifesti, volantini ed una presenza misurata, non arrabbiata, in linea con tutte le altre manifestazioni tenute in Italia. Il pomeriggio si è concluso con un incontro con il viceprefetto vicario, Donatella Ferrera, cui sono state esposte le ragioni della mobilitazione.

Il Pd dal suo canto ha lanciato la campagna «Berlusconi dimettiti» ed ha spiegato con i suoi esponenti la sua visione del momento politico attuale. A Vittoria invece si un corteo è partito dalla Villa comunale verso piazza del Popolo, dove è stato allestito un gazebo per le firme di adesione all´iniziativa per cacciare Berlusconi.

Nelle foto in alto e sotto il gazebo allestito in piazza Matteotti a Modica