Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1074
RAGUSA - 12/02/2011
Politica - Ragusa: tutti contro il bunga - bunga

Pd mobilitato in provincia contro Berlusconi

L’appuntamento più importante è fissato per le ore 16 di domani, domenica 13 febbraio, davanti la Prefettura dove si svolgerà il sit-it in difesa del ruolo della donna e dei valori di indipendenza ed autonomia della magistratura

Il Partito Democratico della provincia di Ragusa è mobilitato in tutti i territori per portare avanti le iniziative organizzate a livello nazionale «Se non ora quando?» e «Berlusconi dimettiti». L´appuntamento più importante è fissato per le ore 16 di domani, domenica 13 febbraio, davanti la Prefettura dove si svolgerà il sit-it in difesa del ruolo della donna e dei valori di indipendenza ed autonomia della magistratura. Iniziative parallele si svolgeranno a Chiaramonte Gulfi, Comiso, Giarratana, Ispica, Modica, Monterosso, Pozzallo, Scicli e Vittoria.

Nella città ipparina, in particolare un corteo si muoverà nel pomeriggio dalla Villa Comunale verso Piazza del Popolo dove sarà possibile, nelle apposite postazioni allestite, sottoscrivere la raccolta di firme voluta dal segretario nazionale Pierluigi Bersani. Banchetti, gazebo e altre iniziative interesseranno per tutta la giornata anche gli altri comuni della provincia.

«La raccolta di firme contro il governo nazionale – afferma il segretario provinciale Salvo Zago – già avviata da qualche giorno, proseguirà per tutto il mese di febbraio in tutta la provincia. Il Pd provinciale sarà presente con i suoi dirigenti, amministratori e parlamentari nelle varie iniziative che sono state programmate nei comuni. Invito gli iscritti, gli amici e i simpatizzanti a partecipare in massa alle manifestazioni e far sentire forte la voce del popolo che vuole cambiare».