Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 694
RAGUSA - 12/01/2011
Politica - Ragusa: il leader modicano dà il benvenuto, all’ultimo arrivato Salvatore Criscione

Nino Minardo vuole Riccardo Terranova assessore

Il parlamentare al presidente della Provincia: «Entro lunedì si chiude la partita». Pronto l’avvicendamento con Giampiccolo alla Pubblica istruzione
Foto CorrierediRagusa.it

Nino Minardo non aspetta più. Entro lunedì vuole l’assessorato che attende ormai da sei mesi per il suo partito. L’adesione al gruppo consiliare Pdl di Salvatore Criscione ha indotto il parlamentare a rompere gli indugi e a chiedere al presidente Franco Antoci di definire una volta per tutte la verifica infinita della sua compagine amministrativa. Nino Minardo ha già disegnato strategie e scelto i nomi: sarà Riccardo Terranova a ritornare in provincia dopo l’esilio in cui è stato confinato a Vittoria dove peraltro ha svolto il ruolo di collante nel partito. Terranova conosce già uomini e cose di palazzo di viale del Fante perché è stato assessore alla Pubblica istruzione per quasi un paio di anni. Con l’ingresso Terranova in giunta provinciale dovrebbe scattare un altro «disco verde» per Carmelo Incardona candidato a sindaco di Vittoria.

Il cambio si prevede facile per quanto riguarda l’assegnazione delle deleghe, perché sarà proprio l’attuale assessore alla Pubblica istruzione, Giuseppe Giampiccolo, a cedere il passo visto che l’Udc, spaccatosi in due con il Pid, è oggi sovradimensionato rispetto alle due deleghe che detiene oltre alla presidenza di Antoci. Nino Minardo è esplicito al proposito «chiedo il riconoscimento da parte del tavolo politico di un assessorato in più per il PdL anche alla luce della mutata geografia in consiglio, e per la quale abbiamo trovato disponibilità nell’UdC. Il versante ipparino mi chiede maggiore visibilità nel nuovo assetto territoriale alla Provincia ed io l’asseconderò».

Con l’adesione di Salvatore Criscione il Pdl sale ad otto consiglieri con Silvio Galizia, Giovanni Occhipinti, Ignazio Nicosia, Giovanni Mallia, Marco Nanì, Vincenzo Pitino, area Nino Minardo e Salvatore Mandarà, area Innocenzo Leontini. Resta in stand by Salvatore Moltisanti che non ha gradito il trattamento riservatogli e si è autosospeso ma potrebbe ritornare in tempi brevi così come Raffaele Schembari, che fa riferimento a Nello Dipasquale, ma deve ancora decidere se stare con Nino Minardo o con Innocenzo Leontini.