Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1721
RAGUSA - 25/10/2010
Politica - Ragusa: il deputato regionale rispedisce le accuse al mittente

Orazio Ragusa: "Drago dica le vere ragioni della sua scelta"

"Un politico deve giustificarsi di fronte ai propri elettori quando cambia partito"
Foto CorrierediRagusa.it

Il deputato regionale Udc Orazio Ragusa (nella foto) non ci sta e rispedisce al mittente le accuse del suo ex alleato Peppe Drago. «Ho già spiegato in modo dettagliato nell´incontro di sabato le mie posizioni politiche e quelle dell’Udc ibleo». Così dichiara l´on Ragusa, che non comprende le ultime dichiarazioni dell’on Drago, che colloca il partito dell’Udc addirittura a sinistra. "C’è un tentativo – commenta Orazio Ragusa – di deformare la realtà».

«In condizioni normali – aggiunge il deputato dell’Udc - un politico deve giustificarsi di fronte ai propri elettori quando cambia partito. Ripetuti attacchi gratuiti, mio malgrado, mi obbligano a dover giustificare semplicemente la mia coerenza di essere rimasto nello stesso partito in cui mi hanno eletto. Non si capisce tutto questo se non legandolo ad una più generale confusione politica che vede, oggi come mai, politici cambiare partito con estrema facilità. In questo momento in cui tanti cambiano casacca alla ricerca di facili poltrone, diventa notizia rimanere dove si è stati eletti, ed è colpa grave l’aver rinunciato alle promesse di posti al sole. Chi attribuisce all’Udc una collocazione a sinistra, mente sapendo di mentire».

Orazio Ragusa ribadisce che "Tutti sanno che questo è un partito di centro. Da oggi in poi voglio parlare meno di alleanze e molto più di programmi e strategie. Viviamo un momento drammatico, in cui questa devastante crisi economica ci ha privati di molte certezze. I problemi dell’Italia e degli Italiani, della Sicilia e dei Siciliani, sono serissimi e non si risolvono solo mettendo insieme questa o quella coalizione ma necessitano di uno sforzo comune e condiviso per creare nuove opportunità.

Le problematiche che attanagliano la vita quotidiana richiedono poca demagogia e molta attività Politica. Il nostro partito si farà promotore di creare le condizioni per restituire alla Sicilia valore e significato al merito, nei diversi ambiti e settori della vita,demolendo le barriere del clientelismo e del corporativismo, che ostacolano lo sviluppo vero. Redditi, casa, scuola, ricerca, ma soprattutto - conclude Ragusa - uomo, famiglia e rispetto per la vita sono le nostre priorità».