Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 954
RAGUSA - 24/09/2010
Politica - Ragusa: il presidente dello Iacp lascia il partito in cui non si riconosceva più

Giovanni Cultrera lascia Mpa e approda nel Pdl

Soddisfatto il deputato nazionale del Pdl Nino Minardo Foto Corrierediragusa.it

Il presidente dell´istituto autonomo case popolari, l´avvocato Giovanni Cultrera (nella foto), ha lasciato Mpa per approdare al Pdl. "Il quadro politico che si è venuto a delineare, a livello regionale, in questi ultimi giorni - ha detto Cultrera - mi spinge ad assumere decisioni importanti, per coerenza di comportamento e di idee. La decisione del Governatore on Raffaele Lombardo, di creare un governo con il Pd, spostando l’asse della sua azione politica e di quella del governo della Regione verso il centrosinistra, stride e cozza con un mio preciso, costante e forte convincimento politico, che da sempre mi ha posto nel centrodestra, sposandone in toto gli ideali e l’azione. Una scelta, quella del leader dell’MpA, che rispetto ma che non posso condividere.

E’ con rammarico e non senza profonde riflessioni, che chiudo la mia esperienza politica nell’MpA volendo restare idealmente e sostanzialmente nel Centrodestra. In questo senso vedo nel PdL e, segnatamente, in una classe politica giovane, vivace e profondamente legata al territorio, la linea da seguire e da «sposare».

Colgo l’occasione di ringraziare l’onorevole Riccardo Minardo, a cui manifesto anche in questa occasione stima politica e personale, per avere indicato me in un ruolo importante come la presidenza dello Iacp. Ed in questo senso sono particolarmente gratificato da questo impegno, dove sto raccogliendo risultati eccellenti. Ma non mi sento, in tutta coscienza - aggiunge Cultrera - di restare in un movimento che, con le scelte compiute nella formazione del nuovo Governo regionale, ha abbandonato la «casa» politica dove era nato, il centrodestra italiano e siciliano in particolare, dove era cresciuto, di cui diventava ogni giorno di più elemento sostanziale e non di corte.

Autonomismo non significa per me, abiurare al costrutto ed alle tensioni ideali che sono state la radice dell’MpA. Oggi vedo nel PdL - conclude Cultrerar - quel partito dove poter continuare a lavorare nel rispetto e nella coerenza delle mie idee e dove sta emergendo una classe politica lungimirante, dalle ampie prospettive per la mia Terra e per la Gente Iblea". Soddisfazione per la scelta di Cultrera è stata espressa dal deputato nazionale del Pdl Nino Minardo.