Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 791
RAGUSA - 10/08/2010
Politica - Ragusa: il presidente Antoci dovrà onorare debiti fuori bilancio peer quasi due milioni

Niente feste e festini nel prossimo bilancio della Provincia

Ci sarà anche un taglio di quattro milioni per i minori trasferimento dello Stato

Su Franco Antoci piovono debiti. Dopo il milione di euro che il Copai si è visto riconosciuto grazie ad un decreto ingiuntivo l’amministrazione provinciale dovrà pagare 870mila euro per risarcire alcuni privati titolari di un terreno espropriato ben 40 anni fa.

Il tribunale ha ora emesso la sentenza e l’amministrazione provinciale dovrà pagare senza esitazioni. Il bilancio 2011 sarà dunque tutto lacrime e sangue, perché oltre a quasi due milioni di debito da onorare ci sono ben quattro milioni in meno di trasferimenti dello Stato. Franco Antoci ed il presidente del consiglio Giovanni Occhipinti sono stati chiari in sede di presentazione della manovra di ridistribuzione di 514 mila euro di avanzo di amministrazione.

«In futuro –hanno detto all’unisono- non ce lo potremo più permettere e dovremo stringere la cinghia. Con questi soldi abbiamo finanziato la stagione estiva, alcuni capitoli dei servizi sociali e dello sviluppo economico, abbiamo comprato strumentazione nuova per il settore geologia».

Giovanni Occhipinti è stato più esplicito ed ha quasi tracciato la strada per il futuro «Non ci sarà più spazio per feste e festini e sarà tempo di austerità. Finanzieremo i grandi eventi e le poche manifestazioni che danno lustro alla provincia. Le ristrettezze – ha detto Occhipinti – stanno creando un´atmosfera diversa. Non possiamo più finanziare in modo adeguato le grandi manifestazioni e anche le rassegne estive della Provincia appartengono ormai al passato. Le risorse, purtroppo, vengono meno e non è sempre possibile fornire al territorio quelle risposte adeguate che attende».