Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1588
POZZALLO - 15/05/2009
Politica - Pozzallo: la richiesta del consigliere di minoranza

Asta: "Il prefetto intervenga su una concessione edilizia"

L’esponente della lista civica "Il timone" denuncia un sopruso di cui, a suo dire, si sarebbe macchiata l’attuale amministrazione Sulsenti Foto Corrierediragusa.it

Intervento del Prefetto Carlo Fanara affinchè faccia luce su una concessione edilizia che il consigliere comunale di minoranza della lista civica «Il Timone» Pino Asta (nella foto) ha definito «illegittima». Non usa mezzi termini il consigliere comunale di minoranza, il quale denuncia un sopruso di cui, a suo dire, si sarebbe macchiata l’attuale amministrazione Sulsenti.

Per Pino Asta, "il consiglio comunale – è scritto in una nota - è stato espropriato delle proprie prerogative in materia di gestione del territorio, lasciando la stessa al controllo degli uffici e, alla luce di quanto accaduto nel corso dell’ultima seduta del civico consesso, probabilmente nelle mani del sindaco e della giunta municipale".

Nella lettera inviata al Prefetto, Asta denuncia evidenti ritardi al fine di entrare in possesso di alcuni documenti, che lo stesso Asta ha ricevuto "parzialmente ed il giorno stesso – è scritto nella nota - dalla seduta consiliare in cui era fissata la risposta all’interrogazione" che regolano il vigente piano urbanistico, il tutto dopo aver ricevuto la segnalazione di un cittadino che ha lamentato il rilascio di una concessione edilizia in difformità, a suo dire, al Prg.

"La variante al piano urbanistico – prosegue la nota - è stata operata a quanto si legge nella relazione dell’ufficio tecnico a seguito di valutazioni empiriche e senza alcun fondamento, ovvero la presenza di marciapiedi che delimitavano l’area e precedenti valutazioni nell’ambito di una proposta di revisione di piano regolatore mai adottata dal Consiglio".

Il fatto, poi, che, durante la civica assise, il sindaco di Pozzallo, Peppe Sulsenti, non abbia spiegato le motivazioni di tale atto, "avallando l’operato dell’ufficio tecnico – come dichiara Asta - e facendo propria la relazione", ha indotto il consigliere a richiedere l’intervento del Prefetto.