Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1080
POZZALLO - 19/04/2009
Politica - Pozzallo: non verrà meno l’appoggio al sindaco Sulsenti

L´Udc scompare dal consiglio comunale: La Pira va al Pdl

"Mi sento di intraprendere questo cammino poiché ho trovato serietà e disponibilità nel voler ragionare sul futuro della città su tutti i fronti"
Foto CorrierediRagusa.it

Dopo il Partito Democratico, anche l’Udc di Peppe Drago scompare dal consiglio comunale di Pozzallo. L’unico esponente a palazzo La Pira del Partito della Vela Massimo La Pira (nella foto) ha deciso di aderire al Pdl. "Sulla base degli incontri avuti con il deputato nazionale Nino Minardo - spiega il consigliere – mi sento di intraprendere questo cammino poiché ho trovato serietà e disponibilità nel voler ragionare sul futuro della città su tutti i fronti. Sono sempre stato un uomo di centro destra, figlio della Casa della Libertà ed ho sostenuto con piena convinzione politica il governo Berlusconi nel 2001 - dichiara la Pira – pertanto coerente con la mia linea politica, non condividendo le ultime scelte dell’Udc a livello nazionale".

Poche righe, quelle di La Pira, che fa salire a sei il numero di consiglieri comunali, confluiti nell’appena fondato Pdl. L’unica, ma alquanto sostanziale, differenza sta nel fatto che quattro consiglieri (Fabio Viva, Alessandra Corallo, Fabrizio Floridia e Massimo La Pira) vanno a sedere fra i banchi della maggioranza, contro i due dell’opposizione, «targati» anch’essi Pdl, ovvero Emiliano Ciacera Macauda e Antonio Zocco Pisana. In città, fra gli iscritti al partito, c’è chi auspica un incontro a breve al fine di definire meglio la situazione. Un «chiarimento» che i soliti ben informati hanno procrastinato al periodo post-elettorale delle elezioni europee.

"E’ una differenza che, in realtà, non esiste – incalza il deputato nazionale, Nino Minardo – perché chi si ostina a dire che Forza Italia «vive» ancora, sa di dire una cosa inesatta o lo fa con secondi fini a me sconosciuti. Continuare ad appoggiare Sulsenti? Mi sembra ovvio, anzi chiederemo, a breve, anche una verifica per il rilancio amministrativo della città. Massimo La Pira è l’ennesimo tassello di un percorso politico che mi lega, ancora di più, alla città di Pozzallo. A me interessa risolvere, da politico, i problemi della città di Pozzallo – conclude Minardo – Con una folta delegazione in consiglio e in maggioranza, so solo che il Pdl di rafforza".