Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 698
POZZALLO - 09/08/2016
Politica - Sotto accusa i vertici provinciali del partito

Un nuovo circolo del Pd non s´ha da fare a Pozzallo

Paoletta Susino non si arrende e chiede al segretario regionale di essere ascoltata Foto Corrierediragusa.it

A Pozzallo un nuovo circolo del Pd non s´ha da fare. Lo da stabilito la direzione provinciale del Partito Democratico, che ha respinto l’istanza di apertura di un nuovo circolo del Pd a Pozzallo. La direzione provinciale del Pd aveva altresì revocato il secondo circolo a Vittoria, senza che questi punti, come sostiene Paoletta Susino (foto), portavoce del costituendo circolo «Pozzallo Democratica», fossero stati inseriti all´ordine del giorno. "Riteniamo - scrive la Susino nella nota - che si tratti, ancora una volta, del tentativo di gestire in modo autoritario il partito, senza avere alla base un minimo di legittimazione. Ci sembra evidente che l’attuale assetto direttivo, che nasceva su presupposti che non esistono più, continui a voler esercitare una sorta di potere, fondato sulla chiusura, sulla esclusione e sulla prevaricazione, che non ha più motivo di esistere. Il comitato promotore del secondo circolo di Pozzallo, «Pozzallo Democratica», attivo da anni nel territorio, con i suoi 74 tesserati, i suoi simpatizzanti e sostenitori - prosegue la nota - non intende lasciarsi intimidire e respinge con determinazione l´ennesima prevaricazione di una segreteria delegittimata e arrogante, nei confronti di chi si spende nell´esclusivo interesse del proprio territorio, lavorando per il rilancio del Partito Democratico.

Al segretario regionale Fausto Raciti va dunque - chiude la nota - la richiesta di ascoltare di più le molteplici voci che provengono dai territori e di rispondere alle innumerevoli richieste di chi vuole unire e non dividere".