Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 470
POZZALLO - 21/12/2014
Politica - Eletto il nuovo presidente al posto di quello dimissionario

In mano all´opposizione il consiglio comunale di Pozzallo

A capo della civica assise Antonio Zocco Pisana Foto Corrierediragusa.it

Il consiglio comunale in mano ai consiglieri dell´opposizione. Grazie a undici voti a favore su venti, Antonio Zocco Pisana (foto) della lista civica «Città Comune» succede alla carica di presidente del consiglio comunale dopo le dimissioni di Gianluca Floridia. Restano con un palmo di naso il sindaco Luigi Ammatuna e i nuovi alleati del partito Democratico, da pochi giorni alleati in Civica Assise. La maggioranza, difatti, aveva proposto l´esponente del Pd, Francesco Ammatuna, conscia del fatto che i numeri non erano dalla parte del primo cittadino. L´opposizione, compatta, ha fatto quadrato attorno alla figura dello pneumologo, da diversi anni attivista anche in campo politico. E quando tutti si aspettavano la fumata bianca per Francesco Ammatuna, ecco spuntare la nomina di Zocco Pisana a presidente della Civica Assise. "Sarò esponente di tutti, maggioranza e opposizione – dice Zocco Pisana – Restano altri due anni e mezzo prima della chiusura del mandato per Luigi Ammatuna. Il mio auspicio è che la macchina istituzionale si rimetta di nuovo in moto perché da troppo tempo siamo fermi. C´è bisogno di uno scatto positivo per i prossimi mesi. Non possiamo più indugiare".

Delusione all´interno del partito Democratico, sempre più spaccato al suo interno, visto che si erano proposti almeno in tre per succedere a Floridia. Neanche l´ingresso di alcuni esponenti della lista civica «Pozzallo Giovane» fra le fila del Pd è servito a trovare la quadra attorno a Francesco Ammatuna. Un «terremoto» le cui conseguenze si sentiranno nei prossimi giorni quando lo stesso Pd dovrà votare per il Piano di Riequilibrio, riformulato dopo la prima bocciatura dei giorni scorsi. I consiglieri comunali che non hanno votato per Francesco Ammatuna hanno motivato la scelta dicendo che, vista l´alleanza fra Pd e la Giunta Comunale, non vi sarebbero stati i pressuposti di trasparenza che la carica di presidente della Civica Assise esige. E con il dissesto alle porte e la maggioranza spaccata, il sindaco Ammatuna medita su possibili dimissioni da presentare a stretto giro di posta.