Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 803
POZZALLO - 22/04/2008
Politica - Pozzallo - Durante il comizio di domenica scorsa

Sulsenti lancia messaggi
d´amore ad Ammatuna

Il sindaco: "Entri pure in Mpa con noi: ci divertiremo"! Foto Corrierediragusa.it

"Dite all’on Roberto Ammatuna che lo aspetto a palazzo La Pira. Roberto, abbandoniamo l’astio politico e collaboriamo per il bene di Pozzallo". Parole e musica di Peppe Sulsenti (nella foto).

Chi, domenica sera, nel corso del comizio di ringraziamento di Sulsenti si aspettava che il sindaco autonomista parlasse male del rivale onorevole, è ritornato certamente a casa deluso. Ammatuna, alcuni giorni prima, sempre dallo stesso palco, aveva teso la mano nei confronti dell’attuale sindaco, parlando di possibile collaborazione per il bene della collettività.

Sulsenti ha risposto positivamente all’invito dell’ex sindaco, dicendo di essere disposto ad ascoltare le istanze dell’onorevole pozzallese, appoggiando sinergicamente le priorità che la città di Pozzallo e il territorio ibleo necessitano. E, di fronte ad una vasta platea, Sulsenti ha pure »rilanciato», dichiarando di volerlo presto fra le fila dell’Mpa, visto che, nel Pd, avrà le porte chiuse in quanto opposizione.

"E’ inutile ? ha affermato Sulsenti ? che Ammatuna presenti le sue mozioni dai banchi dell’opposizione; difatti, anche se buone, saranno scartate. Roberto, se entri a far parte della logica politica del Movimento per l’Autonomia, ce ne avvantaggeremo tutti quanti. Lombardo è il futuro di questa terra, non la Finocchiaro che si è candidata per poi «fuggire» in Emilia-Romagna".

Il sindaco autonomista, infine, ha voluto rimarcare come il Pdl pozzallese, sebbene abbia incrementato il numero di voti, deve ancora «crescere» per diventare una forza politica degna di tale nome. " La politica non si fa ? ha concluso Sulsenti ? quando si riesce a portare qualche voto in più, ma quando il territorio se ne avvantaggia".

Nello stesso comizio era presente anche l’on Riccardo Minardo, che si è dichiarato entusiasta della sua esperienza all’interno del Movimento per l’Autonomia. "Un gruppo di amici competenti ? ha detto Minardo - che hanno a cuore le problematiche della nostra Sicilia. Non dovremmo più chiedere ai potenti della politica nazionale, perché Raffaele Lombardo è già un «big» della politica italiana, e avremo sicuramente un canale privilegiato per chiedere che il nostro territorio non sia solo il classico serbatoio di voti da svuotare, ma un territorio che ha la stessa importanza così come le altre province italiane".

Nessun accenno alla «diatriba» che sta interessando, al suo interno, il Movimento per l’Autonomia ibleo. Chi voleva che Minardo e Sulsenti fossero ad un’ipotetica guerra intestina, s’è dovuto, comunque, ricredere. I due, domenica sera, prima che iniziasse il comizio, si sono intrattenuti a lungo presso la sede di Piazza Rimembranza per parlare strategie politiche da attuare a breve e di scadenze programmatiche, non ultima la questione legata allo sviluppo del porto di Pozzallo.