Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 845
POZZALLO - 07/07/2013
Politica - Luigi Ammatuna può adesso contare solo sull’appoggio di appena 7 consiglieri

Anche la Azzarelli "lascia" il sindaco

La Azzarelli lascia anche il Psi, partito nel quale la coriacea «consigliera» era anche capogruppo e si dichiara indipendente Foto Corrierediragusa.it

Dopo Sinistra Ecologia e Libertà, anche il consigliere Ninella Azzarelli (foto) lascia la maggioranza in Consiglio. Non solo. La Azzarelli lascia anche il Psi, partito nel quale la coriacea «consigliera» era anche capogruppo. Sia la Azzarelli sia l´intero gruppo Sel in Consiglio comunale hanno manifestato la volontà di abbandonare la giunta Ammatuna nel corso della Civica Assise, indetta per venerdì scorso dal presidente del Consiglio Comunale, Gianluca Floridia. Per Sel, è stata un´altra donna, Rosa Galazzo, a voler comunicare le ragioni dell´abbandono, dicendo come Sel si fosse posta a baluardo della legalità in seno alla Civica Assise ma che gli ultimi accadimenti, invece, hanno messo in risalto le criticità di un rapporto che si è logorato nel tempo fino alla rottura. "Sinistra Ecologia e Libertà – ha detto la Galazzo - è stata sempre una voce fuori dal coro. Un gruppo di persone che ha fatto venir fuori cose poco chiare e per questo ha pagato".

Critiche della Galazzo anche nei confronti dell´azzeramento della Giunta, "una decisione – ha detto la Galazzo – solo per estromettere il gruppo Sel dall´attuale compagine amministrativa". La Azzarelli, invece, è da ieri un consigliere «indipendente». "L’assoluta mancanza di una efficace programmazione e pianificazione dell’azione amministrativa – ha detto la Azzarelli - portava la nave varata nella primavera del 2012 a prendere le sembianze di una zattera in balia delle onde dell’inefficienza e dell’approssimazione, a nulla servendo gli incontri e i confronti tenutosi in Consiglio Comunale e nelle innumerevoli e verbose riunioni di maggioranza. Prima che si consumino ulteriori tentativi di delegittimazione nei confronti della sottoscritta, la stessa, consapevole dell’assoluta impossibilità di continuare a svolgere serenamente il ruolo di capogruppo che gli è stato conferito, ne prende atto e toglie il disturbo.

Le mie dimissioni rivestono carattere politico e non personale. Pur riconoscendomi nel sistema di valori e di principi del Psi, non posso proseguire il mio mandato di capogruppo consiliare in un partito che a livello locale, ha perso la capacità di interpretare i sentimenti, le esigenze e le istanze dei cittadini". Ammatuna, ad oggi, può contare solo su sette consiglieri di maggioranza contro i tredici di opposizione.

Fra le altre cose, in Consiglio, si è discusso di tasse. Da una missiva letta in Consiglio ed inviata dagli organi del Cna di Pozzallo, è stato proposto un metodo alternativo per il prelievo dei balzelli comunali. Non più un lavoro per gli addetti di «Riscossione Sicilia» (ex Serit) quanto una soluzione che preveda che sia il Comune di Pozzallo a prelevare le somme richieste. Tutti i gruppi hanno dichiarato il proprio sostegno all´inizitiva e hanno votato favorevolmente all’unanimità. Da rimarcare il discorso del vicesindaco Francesco Gugliotta, "Se cambia solamente l´ente che effettua la riscossione e non le regole che lo disciplinano, non si risolve nulla, in quanto non si può operare in maniera diversa verso ogni famiglia o impresa. Devono, invece, essere le leggi nazionali a dare meno potere coercitivo a chi riscuote tributi".