Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 507
POZZALLO - 06/04/2008
Politica - Pozzallo - Sfiorata la rissa verbale. Se ne riparlerà dopo le elezioni

Prg: consiglio comunale diviso.
Amore denuncerà Asta?

L’assessore non gradisce le dichiarazioni del consigliere Foto Corrierediragusa.it

Tutti contro tutti in consiglio comunale a Pozzallo (nella foto). L’opposizione si spacca e la maggioranza non scioglie la spinosa riserva sul Piano Regolatore, che, a questo punto, sarà esitata dopo le elezioni. Il confronto dialettico (anche se, in alcuni frangenti, si è quasi sfiorata la rissa verbale) ha messo l’assessore ai lavori pubblici, Pinuccio Amore, contro i consiglieri dell’opposizione, Pino Asta e Marco Sudano.

I due consiglieri di minoranza contestavano i nuovi piani, redatti dal consigliere di maggioranza e geometra, Vincenzo Pitino, definendoli del tutto fuorvianti per la realtà di Pozzallo. Pitino, in prima istanza, aveva illustrato quali potevano essere le modifiche da apportare al piano regolatore studiato dai progettisti veneziani: valorizzazione della zona periferica in zona prettamente agricola, cercare di non vincolare strutturalmente la parte storica della città (contravvenendo alle decisioni dei progettisti che parlavano di più di 200 edifici «intoccabili» per vincoli storici quando, in realtà, il numero di edifici che possono essere ristrutturati ammonta, per Pitino, a circa 20 edifici), cercare il «dialogo» con la Sovrintendenza di Ragusa per togliere il vincolo della fascia sopraportuale, ottimizzare le potenzialità storiche delle aree con maggiore incidenza turistica.

Dopo l’intervento di Pitino, l’assessore Pinuccio Amore, chiedeva all’intera civica assise di votare il Prg per non incappare nel commissariamento da parte dell’Assessorato Regionale. Da lì, la veemente reazione di Asta che ha dichiarato di voler mandare tutti gli atti alla Procura di Modica per mancanza di competenza da parte dell’assessore Amore a poter discutere di pianificazione e programmazione territoriale e consiglio rinviato a data da destinarsi.

La seduta è terminata con un nulla di fatto e con la dichiarazione dell’Assessore, Pinuccio Amore di voler denunciare per diffamazione il consigliere Pino Asta per averlo esplicitamente calunniato su alcuni punti esitati in consiglio. Sarà, comunque, la riunione dei capigruppo, verosimilmente mercoledì 16 aprile, a far decidere quali saranno le intenzioni di tutti i partiti e liste civiche di palazzo la Pira. Dalle informazioni raccolte in via ufficiosa, pare che Sinistra Arcobaleno, Forza Italia e Udc, che, allo stato attuale sono forze d’opposizione, esiteranno a favore del Piano Regolatore proposto dalla maggioranza, quando sarà votata la delibera senza vincoli di quorum.