Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 598
POZZALLO - 30/09/2007
Politica - Pozzallo - La minoranza si astiene dal voto

Occultati i debiti fuori bilancio:
atti alla Corte dei Conti

Lo strumento finanziario presenta qualche punto oscuro Foto Corrierediragusa.it

Dieci voti a favore, quelli della maggioranza, Udc e Fi che lasciano l’aula e tre astenuti: quelli della minoranza, che non vedendoci chiaro hanno chiesto l’invio degli atti alla procura della Corte dei conti.

Questa in sintesi la seduta del Consiglio comunale di Pozzallo interamente dedicata all’approvazione del riequilibrio della gestione per l’esercizio finanziario 2007.

Sarà ora la magistratura contabile della Corte dei Conti a valutare la discrepanza tra quanto dichiarato dal Collegio dei revisori dei conti e il responsabile dell’ufficio comunale al ramo sui debiti fuori bilancio. Nel corso del dibattito è stato il consigliere Pino Asta de Il Timone, anche a nome di Alex Maiolino di SD e Marco Sudano di Pozzallo Giovane a chiedere l’invio degli atti alla Procura e a dichiarare la loro astensione dal voto per motivi tecnici.

Nel corso della seduta, infatti, i revisori hanno elencato sia i nomi dei creditori che l’entità dei debiti, mentre da parte dell’ufficio finanziario del Comune si è avuto il mancato riconoscimento di debiti fuori bilancio, pari a circa 800 mila euro. Frizioni dunque tra maggioranza e minoranza, ma anche tra Collegio dei Revisori ed amministrativi per il mancato conteggio da parte degli uffici comunali dei debiti fuori bilancio.

Una situazione paradossale che ha visto il collegio dei revisori evidenziare atti che da parte degli uffici, invece, ne veniva negata l’esistenza. Ed ora l’amministrazione di Peppe Sulsenti dovrà correre ai ripari, sia per individuare i debiti sia per onorarli.