Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 780
POZZALLO - 30/12/2012
Politica - Con dodici voti a favore e cinque contrari

Passa a Pozzallo il bilancio annuale di previsione

Nonostante le note difficoltà economiche in cui versa l’Ente e i tagli ai trasferimenti operati dal governo centrale

Con dodici voti a favore e cinque contrari, è stato esitato favorevolmente il bilancio annuale di previsione per l´esercizio finanziario del 2012. I princìpi fondamentali sui quali ha poggiato il provvedimento privilegiano l’attenta valutazione della congiuntura degli enti locali, determinata dal rigore finanziario imposto dalle norme statali, imponendo un’attenta pianificazione delle risorse disponibili.

Nonostante le note difficoltà economiche in cui versa l’Ente e i tagli ai trasferimenti operati dal governo centrale, si è cercato di garantire il mantenimento dei servizi essenziali (igiene ambientale e servizi sociali, su tutti), così come più volte hanno ribadito nel corso della seduta il sindaco Luigi Ammatuna e il vicesindaco Francesco Gugliotta.
Sempre con dodici voti a favore e cinque astenuti, è stato votato favorevolmente il Piano Triennale delle Opere Pubbliche.

É stato l´assessore comunale al ramo, Giovanni Colombo, a riferire in aula quali sono le priorità per l´anno che sta arrivando, ovvero la ristrutturazione del plesso scolastico «Rapisardi» (taglio del nastro previsto per marzo), la riqualificazione della Piazzetta delle Sirene e la creazione di un asilo nido per il quale sono stati già stanziati 500 mila euro. Ma il 2013 sarà l´anno (si spera) cruciale per le sorti del porto e il finanziamento di 40 milioni di euro per il quale l´assessore Gugliotta ha riferito di essere alle battute finali e con esiti positivi che daranno lustro e occupazione alla collettività.
Gugliotta ha anche riferito delle difficoltà sul Patto di Stabilità.

"Il patto di stabilità – ha detto - è un meccanismo che impone ai Comuni dei limiti nei pagamenti. Per effettuare qualunque spesa bisogna rispettare una serie complessa di regole, che, il più delle volte, impediscono di spendere soldi che i Comuni hanno. E vallo a spiegare ai cittadini. È un paradosso avere i fondi per realizzare delle opere necessarie e non poterli usare".

L´opposizione ha dato battaglia per quel che concerne sia il bilancio che per il Piano. Su quest´ultimo, il consigliere comunale Fabio Aprile ha chiesto delucidazioni sul quartiere Raganzino, autentica «croce» per qualsiasi amministrazione, presente e passata, visto che, anche nei precedenti anni, poco o nulla è stato fatto per il popoloso quartiere.

Ammatuna ha riferito che, presto, avranno inizio i lavori per i campetti di calcio (che sorgeranno di fronte alla piscina comunale), oltre alla possibilità di avere per i residenti del quartiere una linea wi-fi per la navigazione gratuita ad internet.

"E´ una vergogna – riferiscono i consiglieri di opposizione Antonio Zocco Pisana, Fabio Aprile, Ignazio Ruffino, Vincenzo Asta e Salvatore Toscano – Hanno presentato lo stesso Piano dell´anno scorso in quanto obbligati a farlo. Hanno fatto un «copia e incolla» spaventoso, senza alcuna idea nuova. Paghiamo un assessore comunale che è bravissimo col mouse del computer. Sul bilancio, hanno fatto diversi pastrocchi, dopo la bocciatura da parte dei revisori dei Conti. Se ci fosse stato il consigliere Pino Asta, avrebbe mandato tutto alla Corte dei Conti. Cosa che stiamo pensando di fare anche noi".