Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1249
POZZALLO - 12/05/2012
Politica - Ufficializzati i nomi degli assessori per ogni schieramento. Si intensifa la campagna elettorale

A Scicli e Pozzallo niente apparentamenti al ballottaggio

Luigi e Roberto Ammatuna hanno sottoscritto un "patto tra gentiluomini" con il quale dicono no ad accordi con le altre liste
Foto CorrierediRagusa.it

Liberi tutti. Non ci sono apparentamenti tra le liste a Pozzallo e Scicli. Nei due comuni dove è previsto il ballottaggio per l’elezione del sindaco i candidati a sindaco che non ce l’hanno fatta al primo turno hanno deciso per il non apparentamento lasciando liberi i propri elettori di votare secondo coscienza. Le elezioni per il sindaco si tengono domenica 20 e lunedì 21. I contendenti hanno scelto gli assessori che faranno parte della squadra. Sono quattro rispetto ai sei della precedente legislatura.

A Scicli
Franco Susino ha scelto in prima battuta Pino Adamo, fedelissismo di Orazio Ragusa, ed il tecnico Giovanni Frasca. A loro si aggiungono l’avvocato Vincenzo Iurato, laureato in Scienze Politiche, impegnato nel sociale e Domenica (Nichetta) Celestre, esponente del mondo cattolico.. Armando Cannata risponde con Bartolo Piccione, segretario cittadino del Pd e già assessore alla cultura e Giovanni Sudano, in quota Scicli Bene comune. Con Piccione l’imprenditrice Alessia Gambuzza, Bernardetta Alfieri, docente di lettere, in quota Idv.

Qui Pozzallo

Si è concluso con un nulla di fatto (stanotte alle ore 3!) il discorso legato agli apparentamenti fra Raffaele Monte e i due ballottanti. Alla riunione, erano presenti gli stessi Luigi e Roberto Ammatuna (nella foto) con Raffaele Monte, il quale, con i suoi quasi 1500 voti, rappresentava (fino a ieri) l´ago della bilancia. Sia Manenti, sia Pediliggieri, sia Monte hanno così lasciato le mani libere agli elettori di esprimere la preferenza che desiderano. Il messaggio di entrambi i candidati è chiaro: "Non abbiamo atteggiamenti preferenziali nei confronti degli altri candidati – hanno riferito all´unisono - che hanno partecipato al primo turno. Le porte non sono chiuse, purché nessuno ponga condizioni o detti regole. Tutto deve avvenire alla luce del sole".

Prima di arrivare alla firma, però, alcuni esponenti vicini a Raffaele Monte non hanno gradito la scelta «pilatesca» dell´ex assessore provinciale, facendo slittare l´accordo e la diffusione del comunicato alle ore 3,16 di stanotte. Solo l´accortezza del giovane candidato vicino all´Udc ha fatto sì che si addivenisse ad un tacito patto di non belligeranza. Appare chiaro, comunque, come la settimana che sta per iniziare sarà fondemantale per cercare di accaparrarsi i consensi di coloro che non hanno preferito votare i due sindaci omonimi.

Manenti (Grande Sud), una punta di acido, ha così riferito: "Il partito - dice - con questa tornata elettorale ha messo le radici a Pozzallo, e se le circostanze a livello provinciale e regionale lo permetteranno, queste radici porteranno un prezioso frutto per la nostra Pozzallo. Per quanto riguarda il ballottaggio, ritengo che entrambi i candidati non rappresentino una svolta al meglio e che in prospettiva fra un paio di anni si dovrà tornare a votare. Tuttavia va fatta una scelta, speriamo che vinca il migliore".

Anche Pediliggieri (Pediliggieri sindaco, Mpa, Cantiere Popolare e Movimento Libero) ha diffuso un comunicato:<Invito gli elettori pozzallesi – dice - innanzi tutto a recarsi alle urne, anche nei casi in cui la sconfitta dei candidati sostenuti al primo turno potrebbe indurre a non votare. In secondo luogo, non voglio fare dichiarazioni di voto a favore di un candidato o di un altro. Tutti coloro che hanno votato me e i candidati consiglieri nelle liste della coalizione che mi ha sostenuto votino secondo coscienza. C’è da augurarsi che vinca chi ha veramente la voglia e le capacità di spendersi per la crescita economica, sociale e culturale di questa città".

Svelati, infine, anche i nominativi che andranno a far parte della squadra degli assessori. Per Luigi Ammatuna, ai tre che già si conoscevano (Marco Sudano, Alessandro Maiolino e Francesco Gugliotta, quest´ultimo «quotato» quale futuro vicesindaco in caso di vittoria di Luigi Ammatuna) si è aggiunto un nome «tecnico», ovvero Rossella Smarrocchio, docente di storia dell´arte.
Per Roberto Ammatuna, i quattro nomi proposti sono: Pino Asta (farà il vicesindaco?), Uccio Agosta, Ignazio Ruffino (altro papabile alla poltrona di vicesindaco) e Milena Agnello. In mattinata, erano circolati due nomi, Elisa Morana e Paoletta Susino, entrambe con più di 100 voti lo scorso fine settimana. Qualche minuto prima delle 13, è stato ufficializzato il nome di Milena Agnello.

Ultima settimana di fuoco, fra qualche giorno Pozzallo conoscerà il successore di Peppe Sulsenti. L´attuale sindaco non si è pronunciato, anzi ha smentito eventuali accordi sottobanco, così come poi è emerso dall´incontro di stanotte. Sulsenti, lunedì, sarà a Roma per l´undicesima «Bandiera Blu» per il Comune di Pozzallo, ultimo atto dei cinque anni da sindaco.