Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 25 Novembre 2017 - Aggiornato alle 23:34 - Lettori online 465
PALERMO - 07/10/2017
Politica - I recordman sono Michele Cimino e Santi Formica

I 20 posti in meno all’Ars non scoraggiano: 900 candidati su 15 liste

Miccichè si è candidato a Palermo per Forza Italia mentre l’uscente presidente Rosario Crocetta ha optato per un ruolo più marginale e capeggia la lista del Pd a Messina Foto Corrierediragusa.it

I 20 posti in meno all’Ars non hanno indotto parlamentari uscenti e nuovi candidati ad un ripensamento. Anzi la corsa ad un posto di parlamentare regionale è diventata ancora più affollata perchè sono ben 900 i candidati distribuiti nelle 15 liste presentate a supporto degli otto candidati alla presidenza della regione. Solo 13 hanno avuto un ripensamento ed hanno deciso di non ripresentarsi ma in compenso c’è chi riprova per la sesta volta consecutiva: i recordman sono Michele Cimino e Santi Formica, entrambi all’Ars dal 1996. Alle loro spalle ben sei deputati che invece inseguono il quinto mandato: l’assessore all’Agricoltura uscente Antonello Cracolici (Pd), il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone (Ap-Centristi), Giovanni Di Mauro (Idea Sicilia-Popolari e Autonomisti), Riccardo Savona (Forza Italia), Girolamo Turano (Udc) e Pippo Laccoto (Pd). Tra i deputati iblei c’è Orazio Ragusa che tenta di ritornare a Palermo per il quarto mandato consecutivo. I ritorni clamorosi sono tanti a cominciare da Gianfranco Miccichè, plenipotenziario di Silvio Berlusconi in Sicilia e architettto dell’accordo con Nello Musumeci.

Miccichè si è candidato a Palermo per Forza Italia mentre l’uscente presidente Rosario Crocetta ha optato per un ruolo più marginale e capeggia la lista del Pd a Messina. Chi ha fatto il gran rifiuto è certamente Gaetano Armao, che da candidato vicepresidente di Nello Musumeci ha fatto un passo indietro e ha rifiutato il posto di capolista a Palermo lasciando il posto al suo segretario particolare Massimo Garonna. Un primo scricchiolio nella compagine di Nello Musumeci anche se Armao, con una dichiarazione ufficiale, ha detto che lo appoggerà senza riserve.

Musumeci ha con sé cinque liste e si presenta, almeno secondo gli ultimi sondaggi, con il favore del pronostico, anche perché è riuscito a riunire sotto la sua bandiera i forzisti, i salviniani, i Fratelli d’Italia, Udc e autonomisti. Un gruppo sulla carta compatto ma con idee e programmi che non coincidono al cento per cento. Nel centro sinistra la candidatura di Fabrizio Micari non ha coagulato tutto lo schieramento visto che bersaniani, dalemiani e altri movimenti hanno preferito puntare su Claudio Fava acuendo la frattura esistente anche a livello nazionale.

Il Pd è comunque riuscito ad evitare la strappo di Crocetta che ha rinunciato al suo movimento, Megafono, ed è confluito con i suoi candidati nelle liste ufficiali. Il M5S è presente solo con una lista ed è stato il primo a scegliere il candidato alla presidenza, Giancarlo Cancelleri, che ci riprova per la seconda volta, ed i candidati. Pesa lo spauracchio del ricorso presentato da uno degli esclusi alle «Regionarie», che potrebbe mettere tutto in discussione ma lo stesso Cancelleri ed i vertici nazionali escludono questa ipotesi. Le altre candidature alla presidenza, Siciliani Liberi, Lista civica per i lavoro, Noi Siciliani, Casa Pound, appaiono come testimonianze di bandiera e di gruppi che difficilmente riusciranno a superare lo sbarramento del 3 per cento.

Il dato politico è dato dalla lotta tra Musumeci, Cancelleri e Micari. Quest’ultimo sconta una partenza in ritardo e soffrirà per il tributo di voti che alcune frange della sinistra e di opinione riverseranno su Claudio Fava. Il M5S è indicato come l’avversario da battere da parte di Nello Musumeci che conta proprio sulla candidatura Fava per drenare voti dai grillini delusi o insoddisfatti. Musumeci parte da favorito ma la diversità delle forze che lo compongono potrebbero rivelarsi una debolezza se mergeranno da qui al 5 novembre fratture e visioni diverse soprattutto con Forza Italia. Il caso Armao a questo proposito è un campanello d’allarme.