Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 18 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 12:52 - Lettori online 842
PALERMO - 05/08/2017
Politica - I comuni rischiano di andare in dissesto e i musei potrebbero chiudere la sera e nei festivi

Ars non approva Bilancio, ora in 6 mila a rischio stipendio

Entro la prossima settimana bisognerà infatti approvare rendiconto e assestamento Foto Corrierediragusa.it

L’Ars non lavora e i deputati sono in uscita libera. L’allarme dell’assessore all’Economia Baccei (foto) è perentorio: «Se i documenti contabili non saranno approvati, 6 mila persone resteranno senza stipendio, i Comuni rischiano di andare in dissesto e i musei chiuderanno la sera e nei festivi». Entro la prossima settimana bisognerà infatti approvare rendiconto e assestamento che sono stati costantemente rinviati nelle scorse settimane a causa del numero esiguo di parlamentari in Aula. Ora che si avvicina la pausa estiva, Baccei richiama all´attenzione i deputati per evitare il rischio di rinviare ancora l´approvazione: «Sono preoccupato delle conseguenze che la mancata approvazione di queste leggi provocherà per i cittadini siciliani».

Le leggi di bilancio che devono essere approvate prevedono complessivamente tra sblocchi e nuova spesa 70 milioni per le province, 40 milioni per i Comuni, 40 milioni per i forestali e in particolare per l’antincendio, 105 milioni per l´azzeramento della residua maggiorazione sull’addizionale Irpef dal 2019. Se i parlamentari non saranno presenti in aula o mancherà comunque il numero legale l’iter parlamentare dei due fondamentali disegni di legge, approvazione rendiconto e assestamento di bilancio si bloccherà.
Dice ancora l’assessore Baccei: «Dopo l’ultima settimana di inutili tentativi, l’Assemblea regionale è stata riconvocata per martedì prossimo. È l’ultima occasione che rimane a quei deputati della maggioranza fin qui spesso o sempre assenti dai lavori d’aula di esprimere dignitosamente il proprio ruolo e dare finalmente le risposte attese dai cittadini siciliani».